Accedi

Ho dimenticato la password

IL NOSTRO FORUM
questo è l'unico forum in lingua italiana esclusivamente dedicato al mondo delle motoseghe, dei decespugliatori, dei vari attrezzi da taglio e delle altre attrezzature di piccole e medie dimensioni da lavoro agriboschivo. in 14 sezioni per un totale di oltre 230 sottosezioni viene trattato qualsiasi aspetto delle motoseghe, delle altre macchine da lavoro e del loro impiego: dall'officina alla manutenzione, dagli esplosi alle indicazioni sugli acquisti, dalle gamme complete dei produttori alle modalità di utilizzo. si affrontano inoltre svariati argomenti correlati quali i legnami, il lavoro in sicurezza, il giardinaggio e la meteorologia.
read the forum in other languages

MAIL DELL’ AMMINISTRATORE
per problemi di connessione, perdita password, lamentele, idee, collaborazioni, invio di materiale in pdf e altre necessità lamotosega@yahoo.it
MAIL DELLO STAFF MODERATORI
per invio foto o altre richieste staff.lamotosega@yahoo.it (la posta in arrivo verrà evasa solo agli iscritti che si qualificano con nickname del forum)
Ultimi argomenti
» husqvarna 572 xp
Da Berno197 Oggi alle 12:13 pm

» Qualcuno sa spiegarmi..
Da Ghepardo Oggi alle 11:43 am

» TOPIC PER SEGNALARE LINK OFFICINA NON FUNZIONANTI
Da Dudum Oggi alle 10:31 am

» Barra per Jonsered 49SP e differenza 1,3mm - 1,5mm
Da mister Oggi alle 8:51 am

» decespugliatore per 1000 mq pianeggianti - BC 350 S
Da Ghepardo Oggi alle 8:40 am

» secondo decespugliatore economico
Da Ghepardo Oggi alle 7:05 am

» SCUOLA DI CARBURAZIONE PER PRINCIPIANTI.
Da Dudum Oggi alle 5:58 am

» Tosaerba Papillon 2 tempi
Da Motosegaro 94 Ieri alle 9:20 pm

» carburazione decespugliatore sconosciuto
Da patrick91 Ieri alle 6:16 pm

» vari modelli da identificare
Da CARTERINO Ieri alle 6:13 pm

» Tecumseh Vantage 35
Da SuperUCCU Ieri alle 6:03 pm

» decespugliatori cinesi
Da mauriziocar Ieri alle 4:08 pm

» BARRE NORMALI
Da gperria Ieri alle 3:58 pm

» MAKITA EM4351UH vs HONDA UMK435U
Da mauriziocar Ieri alle 3:30 pm

» Ricambio Bcs impossibile dado manovellismo leveraggio
Da Dacci Ieri alle 2:08 pm

» OLIO MISCELA: TIPI - QUALITA' - DOSI parte 3
Da valerio91 Ieri alle 9:31 am

» Guanti antitaglio per mts da potatura
Da ferrari-tractor Ieri alle 9:02 am

» Fumo bianco motosega
Da mister Ieri alle 8:32 am

» jonsered 49sp esplosi - link alternativo
Da ferrari-tractor Ieri alle 8:07 am

» Dubbio su lubrificazione catena jonsered 49
Da mister Ieri alle 7:48 am

» Freno catena e consigli miscela
Da ferrari-tractor Dom Mag 20, 2018 4:44 pm

» Manuale uso e manutenzione Benassi BL75
Da Kromer Dom Mag 20, 2018 3:48 pm

» kawasaki th 48, help me
Da Ghepardo Dom Mag 20, 2018 11:15 am

» POMODORO
Da valerio91 Dom Mag 20, 2018 9:48 am

» Trasmissione coltelli Castelgarden Hydro sempre attiva
Da Tenshi8x Dom Mag 20, 2018 9:04 am

» MOTOCOLTIVATORI
Da sascia Dom Mag 20, 2018 8:20 am

» DECESPUGLIATORI:2T VS 4T
Da Ghepardo Sab Mag 19, 2018 10:03 pm

» Briggs and Stratton quantum
Da maxx Sab Mag 19, 2018 3:03 pm

» Nuovi decespugliatori Efco DS 2410
Da valerio91 Sab Mag 19, 2018 2:45 pm

» aiuto per vecchio decespugliatore
Da falcetto Sab Mag 19, 2018 10:49 am

» Efco 260 jet parte per 3 secondi e si spegne
Da gio199 Ven Mag 18, 2018 8:52 pm

» Sostituta Stihl MS180
Da luca31 Ven Mag 18, 2018 5:41 pm

» olio motori agricoli 4 tempi
Da Ghepardo Ven Mag 18, 2018 4:50 pm

» Smontaggio per riparazione Partner s55
Da ignazioantoniomura Ven Mag 18, 2018 11:46 am

» Dischi, lame e simili
Da valerio91 Ven Mag 18, 2018 10:38 am

» Decespugliatore
Da valerio91 Ven Mag 18, 2018 10:37 am

» MOTOAGRICOLE
Da fubiano Gio Mag 17, 2018 8:18 pm

» Consiglio acquisto decespugliatore
Da Ghepardo Gio Mag 17, 2018 8:14 pm

» Consiglio acquisto decesugliatore dolmar
Da Ghepardo Gio Mag 17, 2018 8:08 pm

» ripristino decespugliatore
Da nitro52 Gio Mag 17, 2018 7:32 pm

Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Statistiche
Abbiamo 17713 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Crim

I nostri membri hanno inviato un totale di 232605 messaggi in 11209 argomenti
Chi è online?
In totale ci sono 174 utenti in linea: 3 Registrati, 0 Nascosti e 171 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

AGRICOL-TURI, Alessio510, alex95

Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 370 il Lun Mar 23, 2015 8:17 pm
Sondaggio

La Migliore Motosega Professionale da 50cc

30% 30% [ 158 ]
35% 35% [ 184 ]
12% 12% [ 64 ]
2% 2% [ 13 ]
4% 4% [ 20 ]
5% 5% [ 24 ]
2% 2% [ 11 ]
9% 9% [ 47 ]
1% 1% [ 5 ]

Totale dei voti : 526


instabilità e vegetazione

Andare in basso

instabilità e vegetazione

Messaggio  Robin10 il Ven Ago 09, 2013 9:22 am

Proseguo volentieri la discussione sull’effetto della vegetazione come suggerito da Ferrari-Tractor.

Inutile dire che il tema è vastissimo, quindi posso riassumere solo i punti fondamentali:
La vegetazione ha quasi sempre effetti positivi sulla stabilità dei versanti. In letteratura scientifica si trovano anche esempi di qualche effetto destabilizzante ma direi che sono casi particolari dove il peso della pianta, l’effetto del vento sulla stessa o l’aumentata infiltrazione dei terreni potrebbe aumentare l’instabilità locale.
Quello che occorre tenere sempre presente è che esistono moltissimi tipi di instabilità, profondi e superficiali, con meccanismi di innesco diversi.
L’altra considerazione è il tipo di terreno. I terreni argillosi si comportano in modo completamente diverso da materiali rocciosi la cui stabilità quasi sempre è controllata dalla struttura (fratture e loro orientamento).
Detto in modo molto grossolano, alla base però il concetto è sempre quello: quando le forze destabilizzanti (peso, azione dell’acqua – spesso il vero colpevole - e altre ancora ) hanno la meglio su quelle stabilizzanti il pendio è instabile e può dare luogo a movimenti franosi se non artificialmente stabilizzato. In pratica, non esiste un caso uguale all’altro ma solo casi simili che vengono raggruppati in molte categorie.
Normalmente la vegetazione forestale aiuta la stabilità perchè:
aiuta a rallentare la saturazione dei suoli (evapotraspirazione), protegge dall’effetto erosivo della pioggia battente (le conifere tutto l’anno), l’apparato radicale lega (soprattutto se si intreccia con quello di altre piante in forma di “rete”) il terreno aumentandone la sua “coesione” (uso il termine in modo volutamente generico).
Si è osservato però che raramente le piante forestali possono avere un’azione superiore a 2- 3 m (qualcuno dice anche 5) metri di profondità. E’chiaro che se lo scivolamento avviene su un piano di scorrimento profondo la vegetazione può fare poco. Ho visto frane portare via 20 ettari di faggete mature come se fossero arbusti.
Per concludere, la vegetazione svolge quasi sempre un’azione positiva importante ma bisogna contestualizzare il tipo di instabilità (profondità, tipo di materiale, tipo di scivolamento presenza di acqua e livello di saturazione etc. etc.). e non aspettarsi l’impossibile.

P:S: chi avesse problemi di erosione superficiale consiglio di orientarsi, oltre la classica ginestra, verso il vetyver (quello dei profumi). Ha un apparato radicale impressionante che forma una vera e propria rete.

Robin10
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 97
Data d'iscrizione : 07.06.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: instabilità e vegetazione

Messaggio  Dan56k il Ven Ago 09, 2013 4:54 pm

A conferma di quanto detto da Robin10 (che dalla terminologia che usa sospetto essere un collega geologo), volevo riportarvi un esempio di come gli alberi riescono a stabilizzare un versante critico:

Uploaded with ImageShack.com

Il luogo è a qualche centinaio di metri da casa mia, e la scarpata perfettamente verticale è impostata su una base di argille sovrastata da un orizzonte potente qualche metro di sabbie limose. Il tutto è retto solamente dall’apparato radicale delle tre querce che vedete situate sul ciglio di quella che era una vecchia cava di argilla. Senza quelle querce il pendìo si sarebbe adagiato su un angolo di circa 45°, come è testimoniato dall’andamento del versante ai lati della zona fotografata.
Andando a verificare da vicino (l’ho dovuto fare per lavoro), si nota come immediatamente al disotto delle radici della quercia centrale vi siano nelle sabbie delle fessurazioni verticali profonde anche più di un metro, a riprova del continuo dilavamento ad opera delle acque meteoriche. Vista da vicino la situazione è davvero preoccupante.
Quindi quelle querce stabilizzano, ma nello stesso tempo sono anche un fattore potenzialmente destabilizzante perché la neve, e soprattutto il vento di tramontana, potrebbero innescare un effetto leva che non trovando resistenze a valle le potrebbe far crollare. E con loro buona parte del pendìo.  
All’epoca dello studio avevo pronosticato che avrebbero retto al massimo una decina d’anni. Ora ne sono passati otto e ancora sono in piedi. Continuo a sperare di essermi sbagliato.
Dan
PS Scusate, ma non so come mettere la foto più piccola, da imageshack me l'ha caricata così. Se ci cliccate sopra vedrete tutte e tre le querce.
avatar
Dan56k
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 2689
Data d'iscrizione : 15.12.11
Località : Perugia

Tornare in alto Andare in basso

Re: instabilità e vegetazione

Messaggio  falcetto il Sab Ago 10, 2013 8:04 am

Dan56k ha scritto:PS Scusate, ma non so come mettere la foto più piccola, da imageshack me l'ha caricata così. Se ci cliccate sopra vedrete tutte e tre le querce.
Ricordo che per visualizzare la foto completa si può agire anche tenendo premuto il pulsante "ctrl" e premendo il "-" (meno). Poi con il pulsante "+" si ritorna alle origini. Saluti

******************************************************************************************************
Non far del bene se non sai sopportare l'ingratitudine.

falcetto
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 3960
Data d'iscrizione : 18.12.11
Località : Bassa Brianza

Tornare in alto Andare in basso

instabilità e vegetazione

Messaggio  Robin10 il Sab Ago 10, 2013 6:14 pm

Ebbene sì Dan56, mi hai smascherato. Sono un tuo collega. Niente da fare certi termini rivelano il nostro DNA. Interessante il caso tuo specifico, grazie.

Sarebbe interessante, se già non lo hai trovato, vedere se in letteratura esiste qualcosa di specifico sulle specie di alberi diffusi in Italia che maggiormente hanno capacità di tenuta. Di solito si cita sempre la robinia ma molto probabilmente c'è dell'altro con simili capacità (il nocciolo per esempio?). Soprattutto che dica la profondità utile dell'apparato radicale.

Un saluto

Robin10
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 97
Data d'iscrizione : 07.06.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: instabilità e vegetazione

Messaggio  ferrari-tractor il Dom Ago 11, 2013 7:27 am

Robin10 ha scritto:
Sarebbe interessante, se già non lo hai trovato, vedere se  in letteratura esiste qualcosa di specifico sulle specie di alberi diffusi in Italia che maggiormente hanno capacità di tenuta. Di solito si cita sempre la robinia  ma molto probabilmente c'è dell'altro con simili capacità (il nocciolo per esempio?).  Soprattutto che dica la profondità utile dell'apparato radicale.  
Robinia: sicuramente mette radici ovunque, ma non va in profondità; su terreni fertili la sconsiglio perchè cresce troppo velocemente e inevitabilmente le nevicate in inverno la piegano o spezzano.

Nocciolo: per la mia esperienza non ha un grande apparato radicale, aggiungo anche che è una pianta di scarso/nullo valore per il legno e per i frutti il terreno deve essere predisposto per la raccolta.

A me piace molto il frassino, pianta robusta, cresce abbastanza veloce su quasi tutti i terreni e se nato da seme ha un bel fittone che va giù in profondità, anche come radici è abbastanza tenace.
avatar
ferrari-tractor
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 9080
Data d'iscrizione : 19.04.10
Età : 37
Località : Prov. Cuneo

Tornare in alto Andare in basso

Re: instabilità e vegetazione

Messaggio  psq il Dom Ago 11, 2013 8:11 am

Ho una scarpata che volevo consolidare con la tecnica della palificata semplice.
Mi sono già procurato una discreta quantità di legname da utilizzare.



Per le talee da mettere a dimora ho letto che viene molto utilizzato il salice.
Pensavo di utilizzare anche degli arbusti delle talee di una piante selvatiche che fanno delle piccole prugne.

Qualcuno conosce il vetiver?
avatar
psq
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 1431
Data d'iscrizione : 09.02.12

Tornare in alto Andare in basso

instabilità e vegetazione- vetiver

Messaggio  Robin10 il Dom Ago 11, 2013 10:14 am

Non ho esperienza diretta ma da quello che so ha ottime capacità antierosive e sviluppa radici molto fitte e profonde. Non so se si trova però facilmente. Prova a fare una ricerca su Google con "Prati armati" oppure vai su "vetiver.it"

un saluto


Robin10
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 97
Data d'iscrizione : 07.06.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: instabilità e vegetazione

Messaggio  Robinia il Dom Ago 11, 2013 10:54 am

...a te interessa avere una pianta che oltre a consolidare ti dia anche qualche frutto,oppure il solo valore estetico?

Il maggiociondolo volendo è ottimo per consolidare,uno neo è che si tratta di una pianta velenosa,oppure per la colorazione dei rami in inverno anche il corniolo (cornus mas cornus sanguinea )...Rolling Eyes 
avatar
Robinia
ex moderatori
ex moderatori

Messaggi : 1764
Data d'iscrizione : 31.12.10
Età : 41
Località : colli............

Tornare in alto Andare in basso

Re: instabilità e vegetazione

Messaggio  psq il Dom Ago 11, 2013 2:29 pm

Le piante dovrebbero consolidare ma anche avere un pregio estetico e possibilmente produrre frutti Smile

Alla sommità della scarpata vorrei mettere una siepe di pyracantha a delimitare lo spazio
avatar
psq
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 1431
Data d'iscrizione : 09.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: instabilità e vegetazione

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum