Accedi

Ho dimenticato la password

IL NOSTRO FORUM
questo è l'unico forum in lingua italiana esclusivamente dedicato al mondo delle motoseghe, dei decespugliatori, dei vari attrezzi da taglio e delle altre attrezzature di piccole e medie dimensioni da lavoro agriboschivo. in 14 sezioni per un totale di oltre 230 sottosezioni viene trattato qualsiasi aspetto delle motoseghe, delle altre macchine da lavoro e del loro impiego: dall'officina alla manutenzione, dagli esplosi alle indicazioni sugli acquisti, dalle gamme complete dei produttori alle modalità di utilizzo. si affrontano inoltre svariati argomenti correlati quali i legnami, il lavoro in sicurezza, il giardinaggio e la meteorologia.
read the forum in other languages

MAIL DELL’ AMMINISTRATORE
per problemi di connessione, perdita password, lamentele, idee, collaborazioni, invio di materiale in pdf e altre necessità lamotosega@yahoo.it
MAIL DELLO STAFF MODERATORI
per invio foto o altre richieste staff.lamotosega@yahoo.it (la posta in arrivo verrà evasa solo agli iscritti che si qualificano con nickname del forum)
Ultimi argomenti
» ACCATASTAMENTO E STAGIONATURA LEGNA DA ARDERE
Da Camaro71 Oggi alle 4:38 pm

» stihl ms661
Da luca. Oggi alle 4:30 pm

» ricambi CASTOR CP482S
Da falcetto Oggi alle 3:43 pm

» Komatsu Zenoah G320 AV
Da Alessio510 Oggi alle 3:31 pm

» stufe, caminetti ecc
Da boscocastagno Oggi alle 3:11 pm

» acacia (robinia)
Da Camaro71 Oggi alle 7:23 am

» OLIO CATENA parte 2
Da Camaro71 Ieri alle 9:55 pm

» Riparazione freni motoagricole
Da massimin82 Ieri alle 9:23 pm

» Una buona hobbistica
Da falcetto Ieri alle 6:11 pm

» Perdita benzina primer
Da falcetto Ieri alle 5:52 pm

» TOPIC PER RICHIEDERE I MANUALI OFFICINA ED ESPLOSI
Da nitro52 Ieri alle 5:25 pm

» Problema con la scure [chi me l'ha fatto fare!]
Da thor1 Ieri alle 4:26 pm

» Castor tr350
Da Alessio510 Ieri alle 2:06 pm

» catena Sthil 76 maglie
Da Camaro71 Ieri alle 1:50 pm

» le mie stihl
Da Camaro71 Ieri alle 1:43 pm

» abeti addossati e inclinati
Da Camaro71 Ieri alle 10:22 am

» Motosega Carpi Fox
Da Alessio510 Ieri alle 7:45 am

» Motosega Landoni 98 CC
Da Sandro Stefa Dom Nov 17, 2019 7:38 am

» Castagne e castanicoltura
Da zio jimmy Sab Nov 16, 2019 9:24 pm

» DECESPUGLIATORI HOBBISTICI
Da hurricane E235 Sab Nov 16, 2019 8:01 pm

» Echo CS3000: carburazione difettosa e taratura difficile
Da aldoaldi Sab Nov 16, 2019 10:44 am

» Motosega ms 132
Da nitro52 Sab Nov 16, 2019 7:56 am

» ASCE - ACCETTE parte 4
Da belcanto Ven Nov 15, 2019 8:27 pm

» salire di prestazioni.. imparando a conoscere l'apparato di taglio
Da Mark Ingegno Ven Nov 15, 2019 8:04 pm

» Oleomac GS411 vs Shindaiwa 451S
Da ferrari-tractor Ven Nov 15, 2019 5:37 pm

» motosega per potature agricole
Da ferrari-tractor Ven Nov 15, 2019 5:31 pm

» Un caro saluto a tutti
Da Don Camillo Gio Nov 14, 2019 10:13 pm

» Potatori telescopici elettrici o a batteria
Da giancarbon Gio Nov 14, 2019 5:50 am

» Motosega Mondial 645
Da Creed Mar Nov 12, 2019 6:55 pm

» Echo cs-500 vl rimessa in funzione
Da echo352 Mar Nov 12, 2019 5:46 pm

» catena per legni duri
Da Camaro71 Mar Nov 12, 2019 11:18 am

» acquisto motosega elettrica
Da joe51 Mar Nov 12, 2019 11:17 am

» tester compressione
Da nitro52 Mar Nov 12, 2019 9:20 am

» Rapid REX 1960
Da Zipola Mar Nov 12, 2019 7:36 am

» barra per motosega da potatura grossa
Da popeye85 Mar Nov 12, 2019 12:43 am

» Zenoah G2500: pompa olio
Da Simobim84 Lun Nov 11, 2019 7:54 pm

» Stihl 021:calo di potenza a caldo
Da Sikkunen Lun Nov 11, 2019 7:30 pm

» Stihl MS 461
Da Camaro71 Lun Nov 11, 2019 4:56 pm

» Stihl MS 400
Da Camaro71 Lun Nov 11, 2019 4:28 pm

» TAGLIO ALBERI MORTI
Da nitro52 Lun Nov 11, 2019 10:45 am

Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Statistiche
Abbiamo 19396 membri registrati
L'ultimo utente registrato è massimin82

I nostri utenti hanno pubblicato un totale di 249354 messaggi in 12342 argomenti
Chi è online?
In totale ci sono 162 utenti online: 6 Registrati, 0 Nascosti e 156 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Camaro71, luca., nitro52, paolo69, phantom, vincenzo zanesco

Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 398 il Mar Giu 04, 2019 10:15 am
Sondaggio

La Migliore Motosega Professionale da 50cc

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Vote_lcap30%Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Vote_rcap 30% [ 158 ]
Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Vote_lcap35%Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Vote_rcap 35% [ 184 ]
Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Vote_lcap12%Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Vote_rcap 12% [ 64 ]
Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Vote_lcap2%Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Vote_rcap 2% [ 13 ]
Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Vote_lcap4%Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Vote_rcap 4% [ 20 ]
Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Vote_lcap5%Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Vote_rcap 5% [ 24 ]
Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Vote_lcap2%Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Vote_rcap 2% [ 11 ]
Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Vote_lcap9%Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Vote_rcap 9% [ 47 ]
Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Vote_lcap1%Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Vote_rcap 1% [ 5 ]

Voti totali : 526


Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Pagina 1 di 5 1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  Stefano89 il Sab Ago 24, 2013 1:56 pm

Ciao amici del forum, sono nuovo, il mio nome è Stefano, sono un hobbista novizio, mi sto avvicinando ora nel mondo del legname, sono appassionato di lavori artigianali, uso qualche volta la motosega e il decespugliatore, ma non mi ritengo un professionista, lo faccio a livello amatoriale....sono molto cauto nel usare questi 2 strumenti.

Siccome devo costruire un banco lavoro tramite assemblaggio delle tavole, vorrei capire prima di tutto il procedimento che fanno le Segherie dal taglio degli Alberi fino al ricavare tavole, travi e travetti; vorrei capirlo per farmi una cultura a livello teorico, perché partendo da zero voglio documentarmi su nuove "materie". Vorrei far prima una cosa didattica e collettiva e poi parlarvi del mio problema.....

Se voi mi dite che siete esperti di ciò che voglio trattare, se ve ne intendete di stagionatura ecc., inizio nel farvi le domande per scoprire cose che mi interessano molto sapere.

Grazie spero di aver azzeccato la sezione giusta e adeguate, se non è cosi chiedo scusa a priori....spero di ambientarmi nel breve tempo possibile.


Ultima modifica di beppe65 il Sab Ago 24, 2013 2:34 pm, modificato 1 volta (Motivazione : modifica titolo...)

Stefano89
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 108
Data d'iscrizione : 23.08.13
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  faldi il Sab Ago 24, 2013 2:09 pm

BEH io comincio dicendoti che se vuoi sapere per curiosità come funziona il ciclo del legno industriale ok, ma se vuoi sapere come trasformare il legname da hobbista la cosa è diversa, prima cosa per i mezzi industriali che permettono ad esempio di stabilizzare il legno velocemente seconda cosa perchè da hobbista potesti permetterti di seguire i cicli della natura e quindi della luna personalmente molto importanti per scegliere il periodo di abbattimento.
faldi
faldi
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 304
Data d'iscrizione : 27.05.13
Località : tra il Piave e il Livenza

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  amelanchier il Sab Ago 24, 2013 2:23 pm

se vuoi costruire un banco da falegname partendo da legno tagliato da te stesso, devi aspettare un bel po'.
a causa della stagionatura,ci sono due linee di pensiero una dice un anno x cm.di spessore,quindi un tavolone di 6 cm.=6 anni.
un'altra dice sempre un anno x cm. però siccome il tavolone essicca contemporaneamente da tutte e due le facce occorre la metà del tempo quindi 3 anni.
poi da tener conto sono le misure finali della tavola che si vuole ottenere non puoi sfettare il tronco in tavole da 5 cm. e pensare di utilizzare tutti i 5 cm.
comunque è un discorso lungo ci sono tanti fattori che incidono sui risultati finali.
amelanchier
amelanchier
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 456
Data d'iscrizione : 01.06.13
Età : 60
Località : Capri

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  Stefano89 il Sab Ago 24, 2013 2:25 pm

Ok ok, grazie per i tempestivi inteventi, vedo che ne sepete qualcosa più di me ma vorrei partire dal taglio degli Alberi prima di andare alle tavole, vi prego seguite le mie domande, perché poi faccio confusione....Rolling Eyes 

Stefano89
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 108
Data d'iscrizione : 23.08.13
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  beppe65 il Sab Ago 24, 2013 2:44 pm

Stefano89 ha scritto:Ok ok, grazie per i tempestivi inteventi, vedo che ne sepete qualcosa più di me ma vorrei partire dal taglio degli Alberi prima di andare alle tavole, vi prego seguite le mie domande, perché poi faccio confusione....Rolling Eyes 
Ciao, Stefano89, e benvenuto tra noi. Very Happy 
Per il taglio degli alberi qui trovi un pò di materiale:
http://lamotosega.forumattivo.com/f6-tecniche-e-scelte-per-il-taglio
Buona continuazione.
Beppe65
beppe65
beppe65
ex moderatori
ex moderatori

Messaggi : 6048
Data d'iscrizione : 02.10.10
Età : 54
Località : bergamo

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  Stefano89 il Sab Ago 24, 2013 2:51 pm

beppe65 ha scritto:
Stefano89 ha scritto:Ok ok, grazie per i tempestivi inteventi, vedo che ne sepete qualcosa più di me ma vorrei partire dal taglio degli Alberi prima di andare alle tavole, vi prego seguite le mie domande, perché poi faccio confusione....Rolling Eyes 
Ciao, Stefano89, e benvenuto tra noi. Very Happy 
Per il taglio degli alberi qui trovi un pò di materiale:
http://lamotosega.forumattivo.com/f6-tecniche-e-scelte-per-il-taglio
Buona continuazione.
Beppe65
Grazie do un occhiata, semmai ci fosse qualcosa che non mi è chiaro, riprendo da qui.....anche perché intendo domandare se l'albero abbattuto resta al suolo per un tempo X, oppure se viene portato il giorno stesso in Segheria......su questo dubbio si incentra la questione...

Stefano89
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 108
Data d'iscrizione : 23.08.13
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  Stefano89 il Dom Ago 25, 2013 1:32 pm

Eh si ho dato un occhiata, ma più che altro li si discute sul legname da ardere, invece intendo il legname destinato alle Segherie per la produzione di seghati.....e non ho trovato ciò he a me interessa....
provo a rinnovare la richiesta:

Se si abbatte un albero il cui tronco o più tronchi che sono destinati alla Segheria, per ricavarci dei prodotti utili, questo tronco/i abbattuti  si lasciano a terra per un determinato lungo tempo, oppure vanno portati subito in Segheria il giorno stesso o giorni successivi ?

Grazie


Ultima modifica di Stefano89 il Dom Ago 25, 2013 1:48 pm, modificato 1 volta

Stefano89
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 108
Data d'iscrizione : 23.08.13
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  Stihl 026 il Dom Ago 25, 2013 1:47 pm

Ciao Stefano 89, noi i tronchi di castagno con diametri superiori ai 50 cm li utilizziamo per fare tavolame (tavole grezze aventi lo spessore di 6-7cm) e li portiamo in segheria non di certo dopo che li abbiamo abbattuti ma li lasciamo stagionare per circa 3-4 anni dopodiche via verso la segheria Very Happy .
Saluti da Stihl 026
Stihl 026
Stihl 026
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 303
Data d'iscrizione : 07.11.12
Località : Cosenza

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  Stefano89 il Dom Ago 25, 2013 2:32 pm

Stihl 026 ha scritto:Ciao Stefano 89, noi i tronchi di castagno con diametri superiori ai 50 cm li utilizziamo per fare tavolame (tavole grezze aventi lo spessore di 6-7cm) e li portiamo in segheria non di certo dopo che li abbiamo abbattuti ma li lasciamo stagionare per circa 3-4 anni dopodiche via verso la segheria Very Happy .
Saluti da Stihl 026
Ok, tu parli del Castagno, ma il fatto di lasciare gli Alberi abbattuti al suolo per 3-4 anni, è valido per tutte le assenze (dure, semi-dure e tenere, latifoglie e conifere) oppure solo per alcune ?

E sempre il fatto di lasciare al suolo l'albero per 3-4 anni, è valido per legni sia di grosse dimensioni sia di piccole dimensioni ?
Cioè voglio dire è sempre una regola fissa ?

E soprattutto la corteccia, poi sarà tolta in Segheria. Giusto ? (sempre parlando in generale eh)

Grazie

Stefano89
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 108
Data d'iscrizione : 23.08.13
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  Stihl 026 il Dom Ago 25, 2013 2:52 pm

Io personalmente ho esperienza solo con il castagno; dopo averlo abbattuto porto i tronchi sezionati a circa 3-4 m a casa e poi da qui li porto in segheria. Più i tronchi sono di piccole dimensioni (ma questi li faccio a legna da ardere) meno tempo impiegano a stagionarsi. Al castagno noi la corteccia la togliamo prima di portarla in segheria anche perchè ben secca è ottima ad accendere il fuoco Very Happy . Questo è come faccio io, ma ti saprà spiegare meglio chi ne lavora quantità superiori alle mie.
ps  Noi non tutti gli anni lavoriamo tronchi per tavolame ma solo quando capitano tronchi ben dritti e di diametro superiore ai 40cm.
Saluti da Stihl 026
Stihl 026
Stihl 026
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 303
Data d'iscrizione : 07.11.12
Località : Cosenza

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  Stefano89 il Dom Ago 25, 2013 5:05 pm

Stefano89 ha scritto:
Stihl 026 ha scritto:Ciao Stefano 89, noi i tronchi di castagno con diametri superiori ai 50 cm li utilizziamo per fare tavolame (tavole grezze aventi lo spessore di 6-7cm) e li portiamo in segheria non di certo dopo che li abbiamo abbattuti ma li lasciamo stagionare per circa 3-4 anni dopodiche via verso la segheria Very Happy .
Saluti da Stihl 026
Ok, tu parli del Castagno, ma il fatto di lasciare gli Alberi abbattuti al suolo per 3-4 anni, è valido per tutte le assenze (dure, semi-dure e tenere, latifoglie e conifere) oppure solo per alcune ?
E sempre il fatto di lasciare al suolo l'albero per 3-4 anni, è valido per legni sia di grosse dimensioni sia di piccole dimensioni ?
Cioè voglio dire è sempre una regola fissa ?
E soprattutto la corteccia, poi sarà tolta in Segheria. Giusto ? (sempre parlando in generale eh)
Grazie
Grazie Sthil, tra l'altro hai un bel nickname elogiando la potente motosega Smile; aspetterò l'intervento di qualcun altro poiché io mi riferisco a un discorso generale e non solo a una singola essenza....poi magari per il Castagno entreremo nel merito...



Ultima modifica di beppe65 il Dom Ago 25, 2013 5:15 pm, modificato 1 volta (Motivazione : Sistemazione messaggio...)

Stefano89
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 108
Data d'iscrizione : 23.08.13
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  faldi il Dom Ago 25, 2013 7:44 pm

io ti consiglio di abbattere la pianta secondo il lunario e lasciarla a terra non completamente sramata ma lasciandoli il "pennacchio" (un ciuffo di rami tra i più alti) per qualche tempo, una settimana ad esempio.
Dopodiché tagli la pianta in sezioni di lunghezza che deciderai te a seconda di cosa ci vuoi più o meno fare (tenersi qualche centimetro più lunghi non è male). Io preferisco non scortecciare sopratutto se è legno da opera perchè l'asciugatura avviene più lentamente e il legno fende meno o per niente così.
Metti i tronchi a stagionare elevati una trentina di centimetri da terra sottoponendoci 2 legni "sacrificali" di traverso, se ti sembra che la piramide di tronchi sia instabile li puoi anche legare con dei chiodi che si usano in edilizia, quelli che han due punte, unendo a coppie qualche testa a seconda della situazione.
Fatto ciò copri possibilmente con una lamiera un po' elevata che permette una miglior circolazione d'aria.
Fattore molto importante è il luogo di stagionatura, non deve essere umido per evitare muffe e larve che si sviluppano sotto la corteccia e nemmeno troppo esposto al sole per evitare un'evaporazione troppo veloce che porta a sfendere il legno. Per i tempi di stagionatura ti han gia ben detto anche se è difficile aspettare tutto questo tempo sopratutto se cominci e non hai una rotazione nella produzione.
faldi
faldi
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 304
Data d'iscrizione : 27.05.13
Località : tra il Piave e il Livenza

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  controller il Dom Ago 25, 2013 8:05 pm

Ciao Stefano,

fornisco anch’io il mio piccolo contributo relativamente alle conifere.
A prescindere da  tutti i ragionamenti  sul periodo migliore per il taglio (luna, credenze e/o tradizioni popolari in merito -peraltro sempre affascinanti-) a cui ognuno può dare il credito che meglio crede, per le conifere il periodo migliore per il taglio è quando la pianta non è “in succhio”, quindi quando ha terminato la fase di crescita annuale. A seconda delle zone di crescita (ed anche in base all’altezza s.l.m.) questo periodo può essere variabile , ma in linea di massima si preferisce non abbattere le piante nei periodi primaverili ed estivi, privilegiando i lotti più pregiati per l’autunno-inizio inverno, quando si presume che la pianta non sia più in fase di crescita.

Fatta questa doverosa premessa, una volta abbattuta la pianta è preferibile trasportarla il più velocemente possibile in segheria per la lavorazione, soprattutto per evitare attacchi parassitari o di muffe. E’ vero che questi  problemi sono più frequenti  con il caldo e nella bella stagione, quando la linfa scorre nelle fibre dell’albero, ma considerato il notevole deprezzamento dei segati  aventi problemi di tarlo(bostrico)  o di azzurramento/annerimento (muffe) è preferibile che il trasferimento dal bosco in segheria  sia il più veloce possibile.  Per quanto riguarda l’esbosco ormai la maggior parte dei tronchi viene esboscata con teleferica, quindi arriva in segheria con la corteccia, che sarà tolta prima della segagione. Una volta segato, il tavolame prodotto dal tronco deve subire il processo di stagionatura, almeno quella parte destinato alle lavorazioni relative ai mobili arredi ecc. Questa fase è in dipendenza dalla sezione della tavola (spessori grossi richiedono stagionatura più lunga) ma a grandi linee se il tronco aveva al momento del taglio un’umidità di circa il 50% ed oltre, un segato stagionato deve essere intorno al 15%.

Hola
controller
controller
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 116
Data d'iscrizione : 08.07.12

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  Stefano89 il Lun Ago 26, 2013 8:29 pm

Ok bestioso grazie per l'intervento, analizzarò quest'ultimo facendo qualche domanda, poi si passa all'intervento di controller....


bestioso ha scritto:io ti consiglio di abbattere la pianta secondo il lunario e lasciarla a terra non completamente sramata ma lasciandoli il "pennacchio" (un ciuffo di rami tra i più alti) per qualche tempo, una settimana ad esempio.
Il pennacchio che intendi è questo diciamo ?:

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura YGujera

Non so se si capisce, comunque i punti arancioni sono i rami tolti dalla motosega una volta che la pianta è stata abbattuta, mentre sopra la chioma rimane e indica il "pennacchio". Ho capito bene giusto ?
E questa regola è valida per tutti gli Alberi sia Latifoglie che Conifere, duri, semi-duri e teneri ?








bestioso ha scritto:Dopodiché tagli la pianta in sezioni di lunghezza che deciderai te a seconda di cosa ci vuoi più o meno fare (tenersi qualche centimetro più lunghi non è male). Io preferisco non scortecciare sopratutto se è legno da opera perchè l'asciugatura avviene più lentamente e il legno fende meno o per niente così.
Ok tu non scortecci, stesso identico dubbio di sopra: questa scelta la fai sia per le Latifoglie sia per le Conifere e legni duri, semi duri e teneri ?.....cioè, insomma per tutti i tipi di pianta ?










bestioso ha scritto:Metti i tronchi a stagionare elevati una trentina di centimetri da terra sottoponendoci 2 legni "sacrificali" di traverso, se ti sembra che la piramide di tronchi sia instabile li puoi anche legare con dei chiodi che si usano in edilizia, quelli che han due punte, unendo a coppie qualche testa a seconda della situazione.
Certo quello che dici tu è possibile farlo se il bosco è comodo, perché metti caso tagliassi in una collina ripida, molto ripida, credo sia difficile attuare questi accorgimenti, o mi sbaglio ?


I chiodi che menzioni sono questo modello ?
Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura 36Qoba7












bestioso ha scritto:Fatto ciò copri possibilmente con una lamiera un po' elevata che permette una miglior circolazione d'aria.
Si ok si costruisce una "capanna" di fortuna; ma  i tronchi, tassativamente non devono prendere per nessuna ragione Sole diretto ne Acqua diretta ? Questa è la regola giusto ?

Grazie

Stefano89
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 108
Data d'iscrizione : 23.08.13
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  faldi il Lun Ago 26, 2013 10:00 pm

Purtroppo pur avendo boschi di conifere in montagna non ho mai trasformato personalmente il il legno ma sempre venduto tutto a segherie e fatto abbattere da ditte professioniste che certo non fanno tutta la trafila che ti dicevo io. Credo che comunque i principi indicati siano gli stessi per tutti gli alberi.

Sulla sramatura hai capito perfettamente, proprio cosi intendevo.

beh, prendere sole non è che faccia male è solo che sopratutto quando il legno è ancora molto umido una fuoriuscita troppo veloce dell'umidità può portare alla fastidiosa fessurazione. La pioggia non la consiglio proprio. Secondo la mia esperienza la cosa più importante è che sia un luogo ben areato e secco.

No chiodi non intendo quelli che sono piccoli ma la versione più grande che ha 2 punte di circa 5 cm e la "spalla" lunga una ventina o più di centimetri e generalmente sono a sezione quadra.

Specifico che non pretendo di avere tutte le verità del mondo, magari c'è anche chi fa meglio di me!!
Aspetta anche qualche altro intervento che qualcuno con un buon consiglio ci può sempre essere Wink 
faldi
faldi
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 304
Data d'iscrizione : 27.05.13
Località : tra il Piave e il Livenza

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  andry steel il Mar Ago 27, 2013 9:18 am

Noi abbiamo fatto l' ultimo giro in segheria proprio 4 giorni fa e abbiamo portato un rimorchio 2 assi con sopra 5 mc di legname da tavolato di 7-5 cm. Appena avremo tempo li scaricheremo mettendo le tavole rialzate di 20 cm da terra con sotto della sabbia (evita che l' erba cresca) e mettendo le tavole come a riformare il tronco di origine inseriremo in modo perpendicolare e continuo su ogni tavola degli spessori di 2 cm ogni 100 cm di lunghezza. In questo modo il legno secca prima (1 cm all anno circa) e rimane arieggiato. La stagionatura minima naturale per il castagno è di 5 anni. Per evitare che le tavole si spacchino in testa noi le blocchiamo con il nylon da legatura (quello nero multifibra) inchiodato nelle due teste con la spara graffe.

Le graffe che intende "bestioso" sono quelle usate anche per bloccare i travi dei tetti.
I tronchi per esperienza è meglio farli "rilassare" un annetto e poi portarli in segheria, si spaccano di meno e quindi producono meno scarto. Quando le tavole vengono messe a stagionare è bene lasciarle all acqua per un anno e poi successivamente coprirle con lamiere oppure una tettoia fatta con le rifilature di scarto. L' importante è che siano coperte dalla luce diretta del sole e minimamente dall acqua.
andry steel
andry steel
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 1026
Data d'iscrizione : 09.02.12
Età : 24
Località : Prov. di Torino

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  Stefano89 il Mar Ago 27, 2013 10:09 am

Grazie Andry, ma restiamo in tema tronchi, il tema tavole lo affronteremo dopo, altrimenti faccio un pochino di confusione....

andry steel ha scritto:
Le graffe che intende "bestioso" sono quelle usate anche per bloccare i travi dei tetti.
I tronchi per esperienza è meglio farli "rilassare" un annetto e poi portarli in segheria, si spaccano di meno e quindi producono meno scarto.
Eh spulciando su Google immagini, non ho trovato ste graffe che menziona bestioso....vabbè vediamo se più avanti mi capita qualche foto da vedere......
I tronchi, intesi come Albero abbattutto, poiché di Alberi abbattuti stiamo parlando, li lasci un annetto nel bosco a contatto con il suolo mi sembra di capire, ok e non li scortecci.....
ma questo che dici tu, è valido per tutti gli Alberi grossi, piccoli, duri, teneri, sia se sono Conifere sia se sono Latifoglie ? cioè è una regola fissa per tutti oppure come ha detto Stihl 026 per alcuni Alberi (Castagno) si lasciano passare addirittura 3-4 anni ?

Stefano89
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 108
Data d'iscrizione : 23.08.13
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  andry steel il Mar Ago 27, 2013 11:03 am

No il legno non deve mai stare a contatto con il terreno. Io non li faccio seccare nel bosco (altrimenti dopo un po' non li trovi più) ma dove ho le cataste di legna ne ho anche di tronchi di varie metrature e diametri. Il castagno per evitare rotture va fatto seccare non più di 24 mesi in tronco, poi va fatto lavorare altrimenti incomincia a muoversi e a girarsi su se stesso. Per legname chiaro (larici, abeti ecc) si può fare lo stesso discorso di stagionatura ma solitamente possono e vengono segati appena portati in segheria. Se molto resinosi le segherie solitamente preferiscono farli stagionare qualche mese all' acqua per evitare surriscaldamenti della lama e per evitare che la resina vada ad incrostare i canali di aspirazione.
andry steel
andry steel
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 1026
Data d'iscrizione : 09.02.12
Età : 24
Località : Prov. di Torino

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  Stihl 026 il Mar Ago 27, 2013 11:17 am

andry steel ha scritto: Il castagno per evitare rotture va fatto seccare non più di 24 mesi in tronco, poi va fatto lavorare altrimenti incomincia a muoversi e a girarsi su se stesso. 
Scusa Andry cosa vuol dire  che incomincia a muoversi e a girarsi su se stesso? ????? Non avrà mica i piedi ????? hahahahaaaa!!! ?
Saluti da Stihl 026
Stihl 026
Stihl 026
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 303
Data d'iscrizione : 07.11.12
Località : Cosenza

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  faldi il Mar Ago 27, 2013 11:39 am

andry steel ha scritto:Se molto resinosi le segherie solitamente preferiscono farli stagionare qualche mese all' acqua .
La resina dell'acqua se ne sbatte altamente, un conto è il tanino dei castagni.
faldi
faldi
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 304
Data d'iscrizione : 27.05.13
Località : tra il Piave e il Livenza

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  Stefano89 il Mar Ago 27, 2013 3:08 pm

andry steel ha scritto:No il legno non deve mai stare a contatto con il terreno. Io non li faccio seccare nel bosco (altrimenti dopo un po' non li trovi più) ma dove ho le cataste di legna ne ho anche di tronchi di varie metrature e diametri.  
Scusa: allora tu abbatti l'Albero, dopo qualche giorno lo srami e tagli il Tronco/i a una lunghezza desiderata, e magari è possibile che c'è ne esca più di qualcuno a seconda di come è l'Albero, e lo/i riponi in catasta mantenendo la Corteccia e sollevato/i dal suolo e coperto/i con lamiere. Giusto fai cosi ? cioè con la definizione "in tronco/i" intendi dire che l'Albero venga tagliato e sezionato a Tonchi ?

Voi ragazzi confermate che sia cosi la procedura vero ?

Stefano89
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 108
Data d'iscrizione : 23.08.13
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  straker il Mar Ago 27, 2013 5:58 pm

Stefano89 ha scritto:
andry steel ha scritto:No il legno non deve mai stare a contatto con il terreno. Io non li faccio seccare nel bosco (altrimenti dopo un po' non li trovi più) ma dove ho le cataste di legna ne ho anche di tronchi di varie metrature e diametri.  
Scusa: allora tu abbatti l'Albero, dopo qualche giorno lo srami e tagli il Tronco/i a una lunghezza desiderata, e magari è possibile che c'è ne esca più di qualcuno a seconda di come è l'Albero, e lo/i riponi in catasta mantenendo la Corteccia e sollevato/i dal suolo e coperto/i con lamiere. Giusto fai cosi ? cioè con la definizione "in tronco/i" intendi dire che l'Albero venga tagliato e sezionato a Tonchi ?

Voi ragazzi confermate che sia cosi la procedura vero ?
tipico dell'uomo bianco, voler fare tutto secondo le regole (robert maynard pirsig)

libera citazione, a memoria, da "lila: an inquiry into morals". ma esisterà davvero LA PROCEDURA ? e tutte quelle che ci assomigliano, ma non ne raggiungono la pienezza, differendo per dettagli, saranno PrOcEdUrE parzialmente maiuscole (o parzialmente minuscole) ? o saranno tutte e solo procedure, empiriche, più o meno efficaci/efficienti ?

l'argomento non è certo privo di interesse, però a suddividere ad ogni passo non il tronco, ma l'ago del pino in quattro,
ci estingueremo prima di arrivare alla segagione delle tavole
straker
straker
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 734
Data d'iscrizione : 02.04.11

http://www.falispabianca.it

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  andry steel il Mar Ago 27, 2013 6:03 pm

Allora per legna in tronchi o da opera si intende il legname destinato alla lavorazione di travatura/ tavolatura mentre quella da ardere si intende quella destinata al riscaldamento.
Gli alberi vengono abbattuti e sramati (si srama subito, mai visto farlo dopo giorni altrimenti pensa 200 alberi abbattuti tutti uno sopra l' altro, sarebbe un gran incrocio di rami e risulterebbe pure pericoloso sramarli). Solitamente i tronchi vengono tagliati a una lunghezza di 5 metri o meno se devono essere utilizzati da tavolatura e invece se sono da travatura vengono lasciati lunghi fino a quanto è consentito (curve, nodi pericolosi o snervamenti segnano il punto di taglio obbligato).
Si è possibile che da un solo albero escano più tronchi da opera.
Le lavorazioni variano a seconda delle zone, possibilità, accessibilità e conformazione boschiva. Non è una norma UNI la lavorazione del legname.
andry steel
andry steel
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 1026
Data d'iscrizione : 09.02.12
Età : 24
Località : Prov. di Torino

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  Stefano89 il Mar Ago 27, 2013 7:13 pm

Stefano89 ha scritto:
Scusa: allora tu abbatti l'Albero, dopo qualche giorno lo srami e tagli il Tronco/i a una lunghezza desiderata, e magari è possibile che c'è ne esca più di qualcuno a seconda di come è l'Albero, e lo/i riponi in catasta mantenendo la Corteccia e sollevato/i dal suolo e coperto/i con lamiere. Giusto fai cosi ?

Voi ragazzi confermate che sia cosi la procedura vero ?
La risposta è si ok...fin qui siamo tutti d'accordo senza che ci giriamo troppo intorno............ma la cosa che mi "sconvolge", in senso buono eh, è che in 2 pagine di discussione non ho capito ancora realmente quale è il tempo di stagionatura di questi tronchi (parlando in generale) prima che vadano in Segheria....cioè c'è chi dice che per il Castagno ci vogliono 3-4 anni...ma 3-4 anni solo il Castagno o tutta la categoria Legni Duri ?
e c'è chi dice un annetto senza specificare a che  tipo di legno è rivolta sta cosa......e  scusate ho un pochino di confusione se il tempo di stagionatura dipende dal tipo essenza o meno....vi prego di non dare le cose per scontato.....specificatemi per favore non sono del mestiere.......

non so se sono chiaro, ma ditelo se non capite ciò che chiedo......magari posso essere superficiale.....


Grazie

Stefano89
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 108
Data d'iscrizione : 23.08.13
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  andry steel il Mer Ago 28, 2013 11:25 am

Allora cercherò di essere piuttosto chiaro.
Il tempo di stagionatura prima della lavorazione in segheria varia dal tipo di legname. Spesso non viene neanche preso in conto in quanto lo spazio necessario per far stagionare per anni migliaia e migliaia di tronchi che dispone una segheria sarebbe troppo vasto. Far stagionare i tronchi prima della lavorazione non è sempre necessario. Cosa necessaria è invece farli stagionare dopo la lavorazione. Pensa a un tronco di 50 cm di diametro: non pensi che sia più veloce farlo seccare dopo la lavorazione momento in cui tutto lo scarto viene rimosso? Dopo due anni di stagionatura il tronco è secco solo per 25-30 mm di profondità, il che vorrebbe dire solo fino alla corteccia o poco più. Da questo si deduce che la stagionatura pre lavorazione è effettuata solo per permettere una più veloce rimozione della corteccia e per ridurre in parte il peso del tronco.

Per bestioso: oltre a chiederti di usare un linguaggio più moderato ti voglio informare che le conifere necessitano dell' acqua anche per far scorrere via la resina. Prova a chiedere in qualsiasi segheria e vedrai che ti diranno che tengono i tronchi con la testa con il diametro minore rivolta verso il basso per permettere alla resina di scivolare verso il fondo. Questo fenomeno è velocizzato dall' acqua.
andry steel
andry steel
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 1026
Data d'iscrizione : 09.02.12
Età : 24
Località : Prov. di Torino

Torna in alto Andare in basso

Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura Empty Re: Dal taglio delle piante alla produzione di segati: fasi di lavoro, tempi e stagionatura

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 5 1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum