Accedi

Ho dimenticato la password

IL NOSTRO FORUM
questo è l'unico forum in lingua italiana esclusivamente dedicato al mondo delle motoseghe, dei decespugliatori, dei vari attrezzi da taglio e delle altre attrezzature di piccole e medie dimensioni da lavoro agriboschivo. in 14 sezioni per un totale di oltre 230 sottosezioni viene trattato qualsiasi aspetto delle motoseghe, delle altre macchine da lavoro e del loro impiego: dall'officina alla manutenzione, dagli esplosi alle indicazioni sugli acquisti, dalle gamme complete dei produttori alle modalità di utilizzo. si affrontano inoltre svariati argomenti correlati quali i legnami, il lavoro in sicurezza, il giardinaggio e la meteorologia.
read the forum in other languages

MAIL DELL’ AMMINISTRATORE
per problemi di connessione, perdita password, lamentele, idee, collaborazioni, invio di materiale in pdf e altre necessità lamotosega@yahoo.it
MAIL DELLO STAFF MODERATORI
per invio foto o altre richieste staff.lamotosega@yahoo.it (la posta in arrivo verrà evasa solo agli iscritti che si qualificano con nickname del forum)
Ultimi argomenti
» Segheria orizzontale autocostruzione
Da maver61 Ieri alle 10:13 pm

» Consiglio acquisto
Da Zuppa Ieri alle 9:26 pm

» Problemi accensione decespugliatore per problemi fisici
Da ferrari-tractor Ieri alle 9:22 pm

» DECESPUGLIATORI HOBBISTICI
Da Ghepardo Ieri alle 7:33 pm

» POMODORO
Da valerio91 Ieri alle 7:22 pm

» Dischi, lame e simili
Da valerio91 Ieri alle 7:18 pm

» Consiglio acquisto compressore
Da daniele86 Ieri alle 6:33 pm

» carburazione decespugliatore
Da MainecooN Ieri alle 5:46 pm

» Husqvarna 61 Esce poco Olio?
Da nitro52 Ieri alle 2:18 pm

» annuncio fotonico!!!!
Da nitro52 Ieri alle 1:22 pm

» CONCIMAZIONE
Da francesco80 Ieri alle 11:04 am

» OLIO MISCELA: TIPI - QUALITA' - DOSI parte 3
Da loker Gio Mag 24, 2018 7:51 pm

» Husqvarna 572 xp
Da Berno197 Gio Mag 24, 2018 5:39 pm

» consiglio candela accensione
Da giaro Gio Mag 24, 2018 5:35 pm

» Motore Tecumseh Formula 17 hp
Da falcetto Gio Mag 24, 2018 3:23 pm

» Domanda su Stihl 026
Da falcetto Gio Mag 24, 2018 3:02 pm

» MOTOCOLTIVATORI
Da loker Gio Mag 24, 2018 10:32 am

» Tutorial del forum
Da ferrari-tractor Mer Mag 23, 2018 7:41 pm

» Guanti antitaglio per mts da potatura
Da mister Mer Mag 23, 2018 7:39 pm

» decespugliatore per 1000 mq pianeggianti - BC 350 S
Da ferrari-tractor Mer Mag 23, 2018 1:30 pm

» ABBIGLIAMENTO ANTIINFORTUNISTICO - DPI- Parte 2
Da mister Mer Mag 23, 2018 11:25 am

» decespugliatori cinesi
Da valerio91 Mar Mag 22, 2018 8:29 pm

» Tosaerba Papillon 2 tempi
Da Motosegaro 94 Mar Mag 22, 2018 8:17 pm

» Aiuto manuale uso e manutenzione Kawasaki tg33 asta ideal
Da PaoloSanremo Mar Mag 22, 2018 7:33 pm

» Qualcuno sa spiegarmi..
Da luca31 Mar Mag 22, 2018 7:31 pm

» contagiri
Da nespolo 65 Mar Mag 22, 2018 3:37 pm

» TRATTORINI RASAERBA
Da ra Mar Mag 22, 2018 3:27 pm

» TOPIC PER SEGNALARE LINK OFFICINA NON FUNZIONANTI
Da Dudum Mar Mag 22, 2018 10:31 am

» Barra per Jonsered 49SP e differenza 1,3mm - 1,5mm
Da mister Mar Mag 22, 2018 8:51 am

» secondo decespugliatore economico
Da Ghepardo Mar Mag 22, 2018 7:05 am

» carburazione decespugliatore sconosciuto
Da patrick91 Lun Mag 21, 2018 6:16 pm

» vari modelli da identificare
Da CARTERINO Lun Mag 21, 2018 6:13 pm

» Tecumseh Vantage 35
Da SuperUCCU Lun Mag 21, 2018 6:03 pm

» BARRE NORMALI
Da gperria Lun Mag 21, 2018 3:58 pm

» MAKITA EM4351UH vs HONDA UMK435U
Da mauriziocar Lun Mag 21, 2018 3:30 pm

» Ricambio Bcs impossibile dado manovellismo leveraggio
Da Dacci Lun Mag 21, 2018 2:08 pm

» Fumo bianco motosega
Da mister Lun Mag 21, 2018 8:32 am

» jonsered 49sp esplosi - link alternativo
Da ferrari-tractor Lun Mag 21, 2018 8:07 am

» Dubbio su lubrificazione catena jonsered 49
Da mister Lun Mag 21, 2018 7:48 am

» TUTORIAL: carburazione motori a due tempi
Da PaoloSanremo Dom Mag 20, 2018 8:15 pm

Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Statistiche
Abbiamo 17720 membri registrati
L'ultimo utente registrato è grisu'

I nostri membri hanno inviato un totale di 232706 messaggi in 11212 argomenti
Chi è online?
In totale ci sono 25 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 25 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 370 il Lun Mar 23, 2015 8:17 pm
Sondaggio

La Migliore Motosega Professionale da 50cc

30% 30% [ 158 ]
35% 35% [ 184 ]
12% 12% [ 64 ]
2% 2% [ 13 ]
4% 4% [ 20 ]
5% 5% [ 24 ]
2% 2% [ 11 ]
9% 9% [ 47 ]
1% 1% [ 5 ]

Totale dei voti : 526


Far legna in maniera sostenibile: quantità, superfici, intervalli di taglio

Andare in basso

Far legna in maniera sostenibile: quantità, superfici, intervalli di taglio

Messaggio  ferrari-tractor il Ven Nov 15, 2013 10:03 am

Ieri sera mentre cercavo di addormentarmi ho cercato di capire quanto legno potessi estrarre ogni anno dai miei boschi per consentirmi di riscaldare case e di dare tempo al bosco di rigenerarsi.

L'essenza prevalente da me (600-700 m s.l.m.) è il castagno, e in percentuali minori e decrescenti ciliegio selvatico, ontano, robinia, pioppo tremulo.
Il terreno è prevalentemente argilloso e pesante, in alcuni versanti c'è presenza di pietrame fine.

Ho considerato turni di ceduazione di 20 anni e ho stimato che dovrei riuscire a produrre con sicurezza circa 100q/anno con una superficie di 10 giornate piemontesi (3810 mq x 10 = 38100 mq, circa 4 ettari).
Ho sbagliato qualcosa?
Nella vostre zone come vi regolate?
avatar
ferrari-tractor
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 9094
Data d'iscrizione : 19.04.10
Età : 37
Località : Prov. Cuneo

Torna in alto Andare in basso

Re: Far legna in maniera sostenibile: quantità, superfici, intervalli di taglio

Messaggio  Anto86 il Ven Nov 15, 2013 10:13 am

Innanzitutto, ma quanto bosco hai?? affraid Cioè tu ogni anno puoi tagliare 100 q.li in una superficie di 4 ettari???
Più che altro credo che 20 anni per il castagno siano pochini per venir su una pianta degna di essere chiamata pianta. Per l'ontano e per il pioppo 20 anni dovrebbero essere sufficienti a far venir su una bella pianta. La robinia non la conosco e il ciliegio selvatico nemmeno..
avatar
Anto86
UTENTE BANNATO

Messaggi : 4019
Data d'iscrizione : 02.03.13
Età : 32

Torna in alto Andare in basso

Re: Far legna in maniera sostenibile: quantità, superfici, intervalli di taglio

Messaggio  iury1977 il Ven Nov 15, 2013 10:28 am

Anto86 ha scritto:Innanzitutto, ma quanto bosco hai?? affraid Cioè tu ogni anno puoi tagliare 100 q.li in una superficie di 4 ettari???
beh, estrarre 100 q.li di legna da 4 ettari corrisponde a poco più che una pulitura!
20 anni di crescita a mio avviso sono sufficienti, nel senso che non è necessario che una pianta diventi del diametro di 50 cm. se l'utilizzo è per legname da ardere. Meglio a mio avviso avere più piante con diametri da 20-30 cm. Meno lavorazione impiego di minor personale e mezzi per la lavorazione sicuramente più piccoli e alla portata ok capo 

******************************************************************************************************
pretendiamo dalla natura ma prima prendiamocene cura e rispettiamola! solo così saremo realmente in simbiosi
avatar
iury1977
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 5199
Data d'iscrizione : 29.04.10
Età : 40
Località : Chiavenna (SO)

Torna in alto Andare in basso

Re: Far legna in maniera sostenibile: quantità, superfici, intervalli di taglio

Messaggio  ferrari-tractor il Ven Nov 15, 2013 10:55 am

Il mio problema di fondo è che sono abituato a stimare il quantitativo di legna prodotto da boschi vecchi di 40 o più anni.
Per quelli, mi basta abbattere tre ceppaie di castagni e ho quasi fatto 100q.

La parte a ceduo è poca, e per questo non riesco bene a stimare la produzione.
Come dice giustamente Iury, penso sia più conveniente avere molti alberi di diametro ridotto che pochi grossi, non dall'ottica del quantitativo e della resa economica, ma in un ottica di facilità di lavorazione con mezzi "sostenibili" ed a bassa manutenzione (ovvero, prevalentemente a mano).

Con le recenti malattie del castagno, preferisco avere alberi giovani (e sani) che mantengano la ceppaia sana.
avatar
ferrari-tractor
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 9094
Data d'iscrizione : 19.04.10
Età : 37
Località : Prov. Cuneo

Torna in alto Andare in basso

Re: Far legna in maniera sostenibile: quantità, superfici, intervalli di taglio

Messaggio  Alessio510 il Ven Nov 15, 2013 11:18 am

iury1977 ha scritto:...
20 anni di crescita a mio avviso sono sufficienti, nel senso che non è necessario che una pianta diventi del diametro di 50 cm. se l'utilizzo è per legname da ardere. Meglio a mio avviso avere più piante  con diametri da 20-30 cm. Meno lavorazione impiego di minor personale e mezzi per la lavorazione sicuramente più piccoli e alla portata ok capo 
assolutamente d'accordo... ok capo 
avatar
Alessio510
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 6685
Data d'iscrizione : 03.03.11
Località : Insubria

Torna in alto Andare in basso

Re: Far legna in maniera sostenibile: quantità, superfici, intervalli di taglio

Messaggio  iury1977 il Ven Nov 15, 2013 11:24 am

Concordo con Ferrari e aggiungo la mia esperienza.
Ho un bosco in piano di ml.20 per ml.250, sui due lati lunghi confina con dei campi di grano turco, quindi nel periodo di taglio sempre accessibili e calpestabili con i mezzi.
Ogni 2/3 anni taglio una fetta di circa 30 ml. per i 25 ml. della larghezza, quindi circa 750 mq. Taglio piante di robinia, ontano, castagno e qualche frassino del diametro di circa 25-30 cm. per una lunghezza di circa 12-15 ml. Per fare in fretta queste piante le stimo sui 6-8 q.li pulite dalle fronde. Un anno in questa superficie ho tagliato circa 25 piante per un totale stimato di circa 170-180 q.li equivalente a circa 10 viaggi della mia motoagricola.
Ho calcolato di arrivare a fine del fondo in circa 10 anni. A quel tempo la prima fetta che ho lavorato 3-4 anni fa avrà quasi 15 anni di età, pronta per un nuovo taglio.
E' un'analisi un pò spannometrica ma credo abbastanza vicina alla realtà. ok capo 

******************************************************************************************************
pretendiamo dalla natura ma prima prendiamocene cura e rispettiamola! solo così saremo realmente in simbiosi
avatar
iury1977
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 5199
Data d'iscrizione : 29.04.10
Età : 40
Località : Chiavenna (SO)

Torna in alto Andare in basso

Re: Far legna in maniera sostenibile: quantità, superfici, intervalli di taglio

Messaggio  Alessio510 il Ven Nov 15, 2013 11:28 am

iury1977 ha scritto:Concordo con Ferrari e aggiungo la mia esperienza.
Ho un bosco in piano di ml.20 per ml.250, sui due lati lunghi confina con dei campi di grano turco, quindi nel periodo di taglio sempre accessibili e calpestabili con i mezzi.
Ogni 2/3 anni taglio una fetta di circa 30 ml. per i 25 ml. della larghezza, quindi circa 750 mq. Taglio piante di robinia, ontano, castagno e qualche frassino del diametro di circa 25-30 cm. per una lunghezza di circa 12-15 ml. Per fare in fretta queste piante le stimo sui 6-8 q.li pulite dalle fronde. Un anno in questa superficie ho tagliato circa 25 piante per un totale stimato di circa 170-180 q.li equivalente a circa 10 viaggi della mia motoagricola.
Ho calcolato di arrivare a fine del fondo in circa 10 anni. A quel tempo la prima fetta che ho lavorato 3-4 anni fa avrà quasi 15 anni di età, pronta per un nuovo taglio.
E' un'analisi un pò spannometrica ma credo abbastanza vicina alla realtà. ok capo 
Non so dirti se per il castagno vale lo stesso, ma so per certo che la robinia in 10 anni arriva ai 30 cm comodamente, per cui direi che la tua stima è ok....ok capo 
avatar
Alessio510
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 6685
Data d'iscrizione : 03.03.11
Località : Insubria

Torna in alto Andare in basso

Re: Far legna in maniera sostenibile: quantità, superfici, intervalli di taglio

Messaggio  ferrari-tractor il Ven Nov 15, 2013 12:16 pm

Un fattore che ha portato a ribassare molto il quantitativo che avevo in mente è che ho alcuni posti (qualcosa in meno della metà della superficie) molto in pendenza e con terra povera, i boschi confinanti tagliati circa 20 anni fa hanno ad oggi polloni di castagno di diametro ridotto (10-15 cm).

In alcune parti in piano e con suolo migliore, castagni tagliati 15 anni fa hanno fatto ceppaie di piante con diametro di 20cm alla base.

Probabilmente ho sottostimato troppo.
avatar
ferrari-tractor
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 9094
Data d'iscrizione : 19.04.10
Età : 37
Località : Prov. Cuneo

Torna in alto Andare in basso

Re: Far legna in maniera sostenibile: quantità, superfici, intervalli di taglio

Messaggio  iury1977 il Ven Nov 15, 2013 2:47 pm

ferrari-tractor ha scritto:
Probabilmente ho sottostimato troppo.
non è detto, in considerazione di quello che hai precisato sopra, dalle mie parti ho potuto appurare come anche la diversa esposizione modifichi di molto la crescita, soprattutto l'esposizione al vento ed alle correnti d'aria ok capo 

******************************************************************************************************
pretendiamo dalla natura ma prima prendiamocene cura e rispettiamola! solo così saremo realmente in simbiosi
avatar
iury1977
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 5199
Data d'iscrizione : 29.04.10
Età : 40
Località : Chiavenna (SO)

Torna in alto Andare in basso

Re: Far legna in maniera sostenibile: quantità, superfici, intervalli di taglio

Messaggio  speedsonic il Ven Nov 15, 2013 8:00 pm

dalle mie parti per una pianta di castano di 20/30 cm di diametro il minimo sono 20 anni, però se la zona è abbastanza ricca di acqua/ umidità, se la pianta è in zona assolata, (al domestico) ci mette di piu a crescere, pero la legna è migliore, brucia meglio arlando doie scalda di piu.

Parlando di legna migliore per ardere, vedi quercia, carpino e frassino, in una zona al domestico, ci vogliono pure 50 anni



avatar
speedsonic
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 906
Data d'iscrizione : 06.11.13
Località : provincia imperia

Torna in alto Andare in basso

Re: Far legna in maniera sostenibile: quantità, superfici, intervalli di taglio

Messaggio  Lello78 il Sab Nov 16, 2013 8:25 am

Dalle mie parti non ho mai visto nessuno che gli anni seguenti al taglio del bosco ceduo si prende cura dei polloni emessi dalle ceppaie; crescono subito in primavera un groviglio di polloni la maggior parte dei quali disseccano naturalmente nel corso degli anni, restano circa dopo 20 anni 2-4 piante adatte al taglio e qualche pianta di piccolo diametro essiccata (nel caso dei castagni).
Due anni fa ho tagliato circa 20 robinie dietro casa, ho lasciato sin da subito un pollone per ceppaia, questa estate ho tagliato dai polloni lasciati l' anno precedente già diventate pianticelle tutti i rami bassi lasciando solo il cimale.
Così facendo oltre ad alimentare i conigli, le piante del diametro basale di circa 10 cm hanno preso slancio sviluppandosi in altezza ed ordinatamente.
Unico problema che due o tre ricacci già belli, durante un temporale si sono sradicati.
Così facendo credo che l' intervallo temporale di taglio può essere ridotto rispetto a ceppaie lasciate abbandonate a se stesse ove vi sono ricacci che vanno a dx e a sx, che si intrecciano l' uno con l' altro ecc...
Non so come comportarmi sulle ceppaie di castagno disposte a cerchio, se va lasciato un pollone per pianta abbattuta o no.
avatar
Lello78
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 151
Data d'iscrizione : 16.10.12

Torna in alto Andare in basso

Re: Far legna in maniera sostenibile: quantità, superfici, intervalli di taglio

Messaggio  falcetto il Sab Nov 16, 2013 4:03 pm

Alessio510 ha scritto:..Non so dirti se per il castagno vale lo stesso, ma so per certo che la robinia in 10 anni arriva ai 30 cm comodamente, per cui direi che la tua stima è ok....ok capo 
La mia esperienza personale e limitata:
3 anni fa ho tagliato un boschetto di sola robinia di circa 50x20 metri lasciato crescere senza cura esattamente da 20 anni. Ne abbiamo ricavato circa 200 qli con diametro prevalente fra i 15 e 20 cm. Rarissimo il 30 cm, solo qualche pianta in pieno sole a sud. Saluti

******************************************************************************************************
Non far del bene se non sai sopportare l'ingratitudine.

falcetto
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 3967
Data d'iscrizione : 18.12.11
Località : Bassa Brianza

Torna in alto Andare in basso

Re: Far legna in maniera sostenibile: quantità, superfici, intervalli di taglio

Messaggio  Stihl 026 il Sab Nov 16, 2013 4:07 pm

Lello78 ha scritto:Dalle mie parti non ho mai visto nessuno che gli anni seguenti al taglio del bosco ceduo si prende cura dei polloni emessi dalle ceppaie; crescono subito in primavera un groviglio di polloni la maggior parte dei quali disseccano naturalmente nel corso degli anni, restano circa dopo 20 anni 2-4 piante adatte al taglio e qualche pianta di piccolo diametro essiccata (nel caso dei castagni).
Due anni fa ho tagliato circa 20 robinie dietro casa, ho lasciato sin da subito un pollone per ceppaia, questa estate ho tagliato dai polloni lasciati l' anno precedente già diventate pianticelle tutti i rami bassi lasciando solo il cimale.
Così facendo oltre ad alimentare i conigli, le piante del diametro basale di circa 10 cm hanno preso slancio sviluppandosi in altezza ed ordinatamente.
Unico problema che due o tre ricacci già belli, durante un temporale si sono sradicati.
Così facendo  credo che l' intervallo temporale di taglio può essere ridotto rispetto a ceppaie lasciate abbandonate a se stesse ove vi sono ricacci che vanno a dx e a sx, che si intrecciano l' uno con l' altro ecc...
Non so come comportarmi sulle ceppaie di castagno disposte a cerchio, se va lasciato un pollone per pianta abbattuta o no.
Anche qui nella mia zona, dopo qualche anno dal taglio del bosco ceduo, quasi nessuno dirada i polloni emessi dalle ceppaie bonk!bonk! . Ho detto quasi, perchè un paio di anni fa ero in montagna in cerca di funghi e trovai un boscaiolo, mio amico, che stava praticando il diradamento dei polloni in un bosco ceduo. Egli eliminava tutti i polloni storti, affetti da qualche malattia e rovinati dagli animali, lasciandone 2-3 a ceppaia. Mi disse anche che facendo così non ci perdevano, perchè quando il bosco sarà pronto per il taglio i fusti lasciati saranno di dimensioni maggiori e con il diradamento dei polloni riuscivano a ricavare paleria che poi la rivendevano e la si usava nell'orto per sostenere pomodori, fagioli, ecc.
Saluti da Francesco
avatar
Stihl 026
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 303
Data d'iscrizione : 07.11.12
Località : Cosenza

Torna in alto Andare in basso

Re: Far legna in maniera sostenibile: quantità, superfici, intervalli di taglio

Messaggio  herminetor il Gio Mar 24, 2016 8:42 am

Non so se sono nella sezione giusta, se ho sbagliato chiedo scusa.

Da completo inesperto finora ho tagliato solo piante già segnate per il taglio e numerosi gruppi di vecchi alberi per parenti. Ora, siccome probabilmente per l'autunno comincerò ad entrare nel bosco da solo volevo capire da voi:
-con che criterio generalmente scegliete gli alberi da tagliare (es. prima i più grossi, ecc)
-come va fatto il taglio di piante per favorire la continua produttività, cioè si taglia qualche pianta qua e la o si disbosca tutto per zone?

Grazie

herminetor
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 67
Data d'iscrizione : 28.02.16
Località : Veneto

Torna in alto Andare in basso

Re: Far legna in maniera sostenibile: quantità, superfici, intervalli di taglio

Messaggio  ferrari-tractor il Gio Mar 24, 2016 9:21 am

la risposta non è banale, dipende molto dalle essenze presenti e dalla tipologia del bosco e del terreno.

in linea generale si tagliano per prima le piante a terra, rotte o deperienti, compresi gli arbusti da sottobosco (noccioli, sambuco...) che non hanno molto valore forestale ma comunque scaldano come legna.

La scelta di abbattimento delle piante sane va fatta in base alla necessità di legna ed estensione, rilasciando matricine e piante di valore.

Poi dipende molto dal tipo di pianta, per esempio castagno è meglio tagliare a raso la ceppaia per favorire il ricaccio di polloni, e per pensiero personale (anche se contrasta con alcuni regolamenti di taglio) conviene tagliare tutte le ceppaie e lasciare come matricine solo le piante nate da seme. Se si lascia una pianta per ceppaia, presto i polloni la faranno seccare.

Stessa cosa per la robinia, che rimette dal ceppo e dalle radici.

Discorso opposto per quercia e faggio, che rimettono con difficoltà e conviene non tagliarli perfettamente a raso (specie il faggio) per stimolare il ricaccio.
Per questi, data la difficoltà di ricaccio, è necessario lasciare più matricine.

Se il bosco è un ceduo giovane con piante più o meno coetanee, conviene lasciarlo fitto e procedere con decimazioni periodiche per lasciare sviluppare le piante migliori e di maggior valore.
Se il bosco è vecchio è probabile che venga classificato ad alto fusto e quindi bisogna attenersi bene alle indicazioni di taglio che ti daranno.

Comunque prima di iniziare, consulta sempre il regolamento forestale del tuo comune-provincia-regione e chiedi alla forestale.
avatar
ferrari-tractor
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 9094
Data d'iscrizione : 19.04.10
Età : 37
Località : Prov. Cuneo

Torna in alto Andare in basso

Re: Far legna in maniera sostenibile: quantità, superfici, intervalli di taglio

Messaggio  iury1977 il Gio Mar 24, 2016 9:38 am

il tema è decisamente molto vasto, le regole in gioco oltre ai discorsi sulle domande da fare sono parecchie.
In linea di massima però le diverse modalità di intervento da effettuare in un bosco possono essere riassunte:
-taglio completo per trasformazione del bosco in coltivo, oppure per cause infestanti; dove si abbattono tutte le piante piccole e grandi
-taglio manutentivo; dove si abbattono le piante gemelle, quelle piccole e storte, quelle sofferenti
-taglio per soffocamento del bosco; dove piante eccessivamente grosse impediscono al resto del bosco di crescere e vanno abbattute, altrimenti quel bosco non potrà rendere a dovere.
-taglio per richiesta; dove in base alle essenze, alle dimensioni del lotto, ecc, viene data la possibilità di tagliare un determinato quantitativo di legname per ardere o per opera.
Queste sono attività molto diverse, regolate da norme Comunali, Provinciali, Regionali ecc. quindi prima di muoversi sempre meglio mettersi in regola con la burocrazia.
L'importante è non improvvisarsi il padre eterno e cercare di tutelare al meglio la vegetazione esistente e le piante da conservare, quindi fare degli abbattimenti mirati senza rovinare ciò che si vuole lasciare.
Ricordarsi anche che non è sufficiente tagliare le piante grosse per dare la possibilità al bosco di diventare bello ed ordinato perché "dandogli aria" nel giro di un anno si riempirà di sottobosco infestante, quindi andrà periodicamente manutentato prendendosi cura delle matricine e delle piccole piante. Cioè la natura fa il suo corso ma visto che noi ci mettiamo in mezzo, poi dobbiamo dargli una mano. Questa mia vuole essere solo una piccola introduzione

******************************************************************************************************
pretendiamo dalla natura ma prima prendiamocene cura e rispettiamola! solo così saremo realmente in simbiosi
avatar
iury1977
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 5199
Data d'iscrizione : 29.04.10
Età : 40
Località : Chiavenna (SO)

Torna in alto Andare in basso

Re: Far legna in maniera sostenibile: quantità, superfici, intervalli di taglio

Messaggio  damiano78 il Gio Mar 24, 2016 10:20 am

Se si lascia una pianta per ceppaia, presto i polloni la faranno seccare. Stessa cosa per la robinia, che rimette dal ceppo e dalle radici. ha scritto:

Per la robinia posso dire per certo che quando si taglia tutto, è vero che crescono subito numerosi polloni, ma con il tempo solo uno crescera fino a diventare un albero, eliminando gli altri concorrenti.
avatar
damiano78
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 467
Data d'iscrizione : 25.02.15
Età : 39
Località : Val di Vara SP

Torna in alto Andare in basso

Re: Far legna in maniera sostenibile: quantità, superfici, intervalli di taglio

Messaggio  herminetor il Gio Mar 24, 2016 12:01 pm

Molto interessante, grazie. Mi devo informare per il discorso burocrazia, comunque non farò grossi quantità, solo 80/90qli.

Appunto, quello che interessa a me è che il bosco si mantenga bello e pulito e che ci sia una regolare riproduzione degli alberi. In genere come scegliete le matricine? È difficile riconoscere le piante nate da seme appena crescono? È importante che gli alberi non crescano troppo vicini?

Nel mio caso ho visto che un bosco ha principalmente robinia, l'altro lo devo ancora vedere e non mi sanno riferire.

herminetor
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 67
Data d'iscrizione : 28.02.16
Località : Veneto

Torna in alto Andare in basso

Re: Far legna in maniera sostenibile: quantità, superfici, intervalli di taglio

Messaggio  BFausto il Gio Mar 24, 2016 4:15 pm

Se hai robinia taglia pure al piede le piante più grosse (la ceppaia rigetterà) e tutte quelle intorno alle piante pregiate in modo di favorire lo sviluppo di queste ultime.

BFausto
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 429
Data d'iscrizione : 07.08.13

Torna in alto Andare in basso

Re: Far legna in maniera sostenibile: quantità, superfici, intervalli di taglio

Messaggio  damiano78 il Ven Mar 25, 2016 10:42 am

Nel bosco di robinia puoi tagliare anche per settori, è talmente infestante che l'anno dopo il taglio ti troverai centinaia di polloni alti 2 metri.
Come diceva BFausto taglia raso terra, in questo caso i polloni nasceranno direttamente dal suolo (tanti, sia dalla ceppaia, sia dalle radici lontane dal fusto principale)
Se invece si lascia una parte di tronco i polloni nasceranno "quasi" esclusivamente dal bordo del taglio o comunque dal fusto stesso.
Il bosco di robinia non penso venga considerato bosco pregiato.......
avatar
damiano78
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 467
Data d'iscrizione : 25.02.15
Età : 39
Località : Val di Vara SP

Torna in alto Andare in basso

Re: Far legna in maniera sostenibile: quantità, superfici, intervalli di taglio

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum