Accedi

Ho dimenticato la password

IL NOSTRO FORUM
questo è l'unico forum in lingua italiana esclusivamente dedicato al mondo delle motoseghe, dei decespugliatori, dei vari attrezzi da taglio e delle altre attrezzature di piccole e medie dimensioni da lavoro agriboschivo. in 14 sezioni per un totale di oltre 230 sottosezioni viene trattato qualsiasi aspetto delle motoseghe, delle altre macchine da lavoro e del loro impiego: dall'officina alla manutenzione, dagli esplosi alle indicazioni sugli acquisti, dalle gamme complete dei produttori alle modalità di utilizzo. si affrontano inoltre svariati argomenti correlati quali i legnami, il lavoro in sicurezza, il giardinaggio e la meteorologia.
read the forum in other languages

MAIL DELL’ AMMINISTRATORE
per problemi di connessione, perdita password, lamentele, idee, collaborazioni, invio di materiale in pdf e altre necessità lamotosega@yahoo.it
MAIL DELLO STAFF MODERATORI
per invio foto o altre richieste staff.lamotosega@yahoo.it (la posta in arrivo verrà evasa solo agli iscritti che si qualificano con nickname del forum)
Ultimi argomenti
» Rottamazione motoseghe
Da ferrari-tractor Oggi alle 2:18 pm

» Consiglio motosega economica
Da Jefry Oggi alle 10:54 am

» motozappa brumi mini special non gira la fresa
Da sgaragnone Oggi alle 10:12 am

» * Ricambio per Husqvarna 40
Da otanch Oggi alle 9:24 am

» RASAERBA parte 2
Da luca31 Oggi alle 9:23 am

» Spessore premilama barra falciante laser BCS
Da Dacci Oggi alle 8:43 am

» decespugliatore per piccoli spazi
Da ferrari-tractor Oggi alle 7:17 am

» Dov'è finita la Castor?
Da Stepmeister Oggi alle 5:56 am

» tosaerba aspera
Da Stepmeister Oggi alle 5:52 am

» OLIVO
Da brunobus62 Ieri alle 6:03 pm

» PATATE
Da brunobus62 Ieri alle 5:53 pm

» Soffiatore Stihl br600 non parte
Da falcetto Ieri alle 3:43 pm

» E' ancora valida la EFCO 137?
Da subarone Ieri alle 2:05 pm

» Sicurezza potatura sotto cavi elettrici
Da Na paca de legne Ieri alle 11:06 am

» maruyama mcv 3100 ts
Da luca31 Ieri alle 10:36 am

» Decespugliatore STIHL FR450 - non parte più
Da maxb. Ieri alle 7:37 am

» SOFFIATORI
Da paolo44 Ieri alle 6:45 am

» trattativa su esbosco di latifoglie e conifere: che fare?
Da fim Ieri alle 6:14 am

» Scarse prestazioni Solo 654
Da fim Ieri alle 5:45 am

» Problema Husqvarna 550xp
Da luca31 Dom Set 24, 2017 10:08 pm

» Portatore Oleomac pompa olio.
Da coals Dom Set 24, 2017 7:23 pm

» VITE
Da mesodcaburei Dom Set 24, 2017 6:49 pm

» * Ricambi OleoMac 251A
Da Piero251 Dom Set 24, 2017 4:31 pm

» FOTO DEI NOSTRI DECESPUGLIATORI DA LAVORO
Da Alessio510 Dom Set 24, 2017 4:24 pm

» OLIO MISCELA: TIPI - QUALITA' - DOSI parte 3
Da daniele86 Dom Set 24, 2017 10:15 am

» ABBACCHIATORI E SCUOTITORI
Da maroo Dom Set 24, 2017 9:42 am

» MAKITA EM4351UH vs HONDA UMK435U
Da ferrari-tractor Sab Set 23, 2017 6:39 pm

» decespugliatore maruyama BKC 5020 RS zaino non riparte
Da walterino63 Sab Set 23, 2017 5:57 pm

» decespugliatore Mitsuboshi TC 31
Da Metz Ven Set 22, 2017 5:51 pm

» rasaerba bolens
Da maxb. Ven Set 22, 2017 4:54 pm

» Rottura bullone lama rasaerba
Da falcetto Ven Set 22, 2017 4:31 pm

» Castagne e castanicoltura
Da ferrari-tractor Ven Set 22, 2017 2:50 pm

» mirtillo americano
Da ferrari-tractor Ven Set 22, 2017 2:42 pm

» Stihl 070
Da maxb. Ven Set 22, 2017 10:24 am

» Derivazione attuale motori decespugliatori forestali
Da maxb. Ven Set 22, 2017 10:21 am

» Motosega al minimo gira la catena
Da Stepmeister Ven Set 22, 2017 8:53 am

» * Potatore ad asta Echo PPT-2400
Da rulof Ven Set 22, 2017 7:29 am

» motosega da potatura occasionale
Da RodiZegna Gio Set 21, 2017 7:16 pm

» spark by alpina ps338 ereditata ...provo a riparare...... novello a lavoro....facciamo esperienza
Da falcetto Gio Set 21, 2017 6:59 pm

» alpina A-70 elettromatic
Da Laser Gio Set 21, 2017 6:35 pm

Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Statistiche
Abbiamo 16903 membri registrati
L'ultimo utente registrato è RR55

I nostri membri hanno inviato un totale di 220990 messaggi in 10521 argomenti
Chi è in linea
In totale ci sono 129 utenti in linea: 10 Registrati, 0 Nascosti e 119 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Alessio510, CrazyDiamond, Crono 574zz, ferrari-tractor, geppo30, Ghepardo, iceman90, luca31, nitro52, tore84

Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 370 il Lun Mar 23, 2015 8:17 pm
Sondaggio

La Migliore Motosega Professionale da 50cc

30% 30% [ 158 ]
35% 35% [ 184 ]
12% 12% [ 64 ]
2% 2% [ 13 ]
4% 4% [ 20 ]
5% 5% [ 24 ]
2% 2% [ 11 ]
9% 9% [ 47 ]
1% 1% [ 5 ]

Totale dei voti : 526


APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  willy89 il Ven Gen 24, 2014 4:41 pm

Buonasera, sono un ragazzo che purtroppo ha perso il lavoro, sono un appassionato di attrezzature agricole e stavo pensando all' apertura di un'officina per la riparazione di motoseghe,decespugliatori,etc.

Per me e per qualche amico, già mi diletto in riparazioni.

Gradirei vostri graditi consigli e opinioni, per capire:
che investimento ci vuole, se c'è futuro in questo lavoro, quali potrebbero essere i guadagni e se esistono corsi da frequentare per fare il riparatore.

Aspetto vostre opinioni.

Grazie

willy89
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 31.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  peppone il Ven Gen 31, 2014 5:29 pm

considerato che non so quanto tu sia bravo come meccanico, provo a dire due cose (altrimenti mi tartassi di mp cui io continuo a risponderti di parlarne sul forum).
l'investimento per avere una officina come la mia attuale, nella quale ci lavoro con tre dipendenti, è stimabile grossomodo intorno agli 100-115 mila euro di macchinari (un discorso a parte è il magazzino ricambi).
se scegli di orientarti verso la riparazione di macchine agroforestali non puoi limitarti soltanti alle motoseghe o ai decespugliatori (facendo solo riparazioni e niente vendita faresti la fame) ma necessariamente prima o poi devi fare anche trattori e mietitrebbie: e questo fa salire i costi in quanto investimenti sulle attrezzature da officina.
se fai anche trattori è bene che ti appoggi anche ad un bravo elettrauto (i trattori moderni son più elettronica che altro) oppure che ne assumi uno (come ho fatto io).
io non ho frequentato corsi inizialmente ma ho imparato al fianco del meccanico della azienda agricola di mio nonno...poi col tempo ho avuto modo di partecipare ad alcuni aggiornamenti effettuati da svariati marchi (sono un meccanico multimarche).
il futuro, se sei bravo, se sei onesto e se nella tua zona non c'è troppa concorrenza...credo che ci possa essere.
io all'inizio effettuavo per lo più riparazioni conto terzi: alcuni venditori mi facevano arrivare riparazioni che loro non facevano o che i loro meccanici non facevano in tempo a fare.
io fatturo attualmente al cliente 20 euro l'ora di manodopera, ma so che c'è gente che ne chiede più di 30.
faccio dalle motoseghe ai decespugliatori ai rasaerba ai trattori alle trebbiatrici e in più sono punto assistenza autorizzato piaggio.

ps: che nessuno mi contatti via mp o via mail per mandarmi attrezzature da riparare perché a queste richieste, sui forum (sia questo che altri) io per correttezza non rispondo.
non ho bisogno di trovarmi i clienti via internet (per fortuna)

******************************************************************************************************
     "La caccia è una forma secondaria di malattia mentale umana"                    

     (Theodor Heuss, Presidente della Repubblica Federale di Germania dal 1949 al 1959).
avatar
peppone
Admin
Admin

Messaggi : 13272
Data d'iscrizione : 01.10.08
Età : 47
Località : mah? chi lo sa? comunque...ORIGINARIO della bassa padana

http://lamotosega.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  Omero il Sab Feb 01, 2014 2:12 pm

effettivamente, se ci si vuole limitare alle macchine "piccole" (fino ai trattorini), credo anch'io che la vendita sia indispensabile per arrivare a sbarcare il lunario. per le "grandi" sono necessarie competenze e attrezzature adeguate... in entrambi i casi l'investimento necessario è molto alto. per chi non ha grandissime possibilità l'unica maniera "legale" di lavorare è come dipendente.

Vorrei chiedere a Peppone, quali sono le attrezzature che consideri indispensabili per la tua attività? i 100.000 che hai indicato sembrano tanti ma certo che se includono ponti, macchine utensili, diagnostiche varie... allora potrebbero essere pure pochi!

Omero
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 29
Data d'iscrizione : 02.05.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  maxb. il Sab Feb 01, 2014 3:22 pm

dipende tutto dalla zona, dalla densità di macchinari presenti, dalla tipologia e da quanti altri riparatori ci sono.  
in lombardia ad esempio ci sono non pochi casi di soli riparatori che campano più che egregiamente, anzi, avendo
un costo magazzino e investimento irrisorio se paragonato ad un rivenditore, hanno molte più possibilità di "restare in piedi"
specie in tempi come questo. tuttavia non so se a frosinone il discorso garden e forestale è sviluppato ed esteso al punto
tale da consentire ad un attività di sola riparazione specializzata di sopravvivere se non addirittura di generare profitto.
certamente bisogna, oltre che ad una buona rete di contatti, poter disporre di alcuni requisiti:
- struttura di proprietà o in affitto ad un costo limitato
- pochi o nessun dipendente perlomeno all'inizio, se si opera nella più completa legalità e conformità alle decine di adempimenti che il lavoro
dipendente genera al datore, al lordo di tutto è materialmente impossibile in italia lavorare a meno di 25-28 euro IVA COMPRESA all'ora. o perlomeno
si può ma senza generare alcun utile sulla manodopera (cosa commercialmente sbagliata). quindi in fase di start up ci si mette solo il proprio
lavoro, salvo situazioni mooooolto particolari, e la tua non mi sembra esserlo.
- attenzione agli investimenti in atrezzature! meglio sarebbe poter essere affiancati da qualcuno che ti dia consigli su cosa serve e su cosa, all'inizio e/o
in mancanza di una pioggia di lavoro, è meglio evitar di prendere. non sono poche le aziende fallite prima ancora di cominciare, proprio per investimenti
troppo entusiastici.  a tutti piacerebbe lavorare in un ambiente high tech con ogni comodità possibile, ma solo in pochi settori se lo possono permettere
- attenzione anche alla formazione:  è vero che la pratica è fondamentale, ma non scordiamoci che stiamo viaggiando a speron battto verso epoche in cui
la sofisticazione delle atrezzature è in continua crescita, elettronica e software propietari si stano diffondendo ovunque, iniziano ad esserci alcuni esempi ormai
da qualche anno anche nel mondo della motosega: ormai la tendenza è quella e difficilmente si tornerà indietro. pensare di poter aggredire questo settore
con il solo cacciavite per carburazione e tanto buon orecchio NON BASTA PIU'.  quindi occhio a non affacciarsi impreparati. anche se è vero che quei pochi marchi
che possono aprire un rapporto di lavoro per sola assistenza comunque ti mettono in condizione, prima di cominciare, di essere formato (più o meno) adeguatamente.
- con le macchine agricole e con le macchine da giardinaggio importanti è bello e remunerativo lavorare, ma se non si è ben strutturati dal punto di vista finanziario, tecnico e logistico ci si può fare davvero molto male, imprenditorialmente parlando. ci si arriva per gradi, con il tempo.  e non sempre basta. occorre anche molta, moltissima bravura e la capacità di gestire, supervisionare e sostituire agilmente se necessario l'opera del personale dipendente.  ho sotto mano
un paio di esempi di ex operari specializzati nel settore macchine movimento terra che si sono messi in proprio, ottenendo un grande successo in tema di assitenza fin dal primo anno. ma si trattav di gente già sulla piazza da alcuni lustri, veri e propri fenomeni che si erano fatti il nome già da semplici lavoratori dipendenti; casi più unici che rari.

riassumendo quindi, se non ti ho stordito:  cautela negli investimenti, attenzione al quadro normativo e burocratico (che nel nostro paese, non di rado scoraggia date le sue dimensioni elefantiache), importanza della formazione, importanza della conoscenza dei giusti agganci a livello di fornitori, importanza del saper lavorare bene: rapido, efficace e non esoso. last but not least: una buona dose di cortesia e disponibilità verso l'utenza.
avatar
maxb.
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 1448
Data d'iscrizione : 27.06.12
Località : provincia di Varese

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  peppone il Sab Feb 01, 2014 4:19 pm

condivido il discorso fatto da maxb.
io ho cominciato 24 anni fa, da solo, nel garage.
gli investimenti, l'assunzione di manodopera (sulla quale io non faccio ricarico...scelta mia personale che so essere commercialmente criticabile), l'espansione dalle piccole alle grandi macchine, la formazione...sono tutte cose che sono venute col tempo, una dopo l'altra e solo su basi già consolidate.
sarebbe utile che chi volesse intraprendere la strada dell'apertura di una officina avesse comunque una idea precisa della potenziale richiesta (clientela) della sua zona e che valutasse molto attentamente l'idea di cominciare tale attività come "secondo lavoro" e non come fonte primaria di sostentamento: lo potrebbe diventare solo in una fase successiva (come invece potrebbe miseramente concludersi con un nulla di fatto).

******************************************************************************************************
     "La caccia è una forma secondaria di malattia mentale umana"                    

     (Theodor Heuss, Presidente della Repubblica Federale di Germania dal 1949 al 1959).
avatar
peppone
Admin
Admin

Messaggi : 13272
Data d'iscrizione : 01.10.08
Età : 47
Località : mah? chi lo sa? comunque...ORIGINARIO della bassa padana

http://lamotosega.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  willy89 il Sab Feb 01, 2014 8:43 pm

Da quello che mi state dicendo, ho capito che l' investimento e il rischio di riuscita è troppo alto.

Allora come si può inziare questa attività come secondo lavoro?

Ho provato a chiedere ai riparatori, se avevano bisogno di aiuto, ma non ti prende nessuno, come osso fare esperienza se nessuno è disponibile a metterti alla prova?????

Grazie dei consigli

willy89
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 31.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  Tony.free il Sab Feb 01, 2014 10:47 pm

potresti proporre al professionista riparatore di aiutarlo facendo qualche ora gratuitamente e a tempo perso, affiancandolo per gradi prima come apprendista diciamo, che passa gli attrezzi, al lavaggio di componenti motore, cercando nel contempo di capire le esigenze lavorative della ditta e se e' sufficientemente sana per poterti remunerare (osserva numero clienti, vendite, riparazioni a pagamento ecc.), poi con qualche piccolo lavoretto che puo' dimostrare la tua competenza, onesta' e voglia di lavorare e di renderti utile alla ditta e alla societa'.
Se sei un buon lavoratore, il che non vuol dire fare le cose in fretta, ma con buona lena e soprattutto professionalita' e non ultima, come ha ben detto maxb, una buona dose di cortesia e disponibilità verso tutti e il meccanico si rende conto che avrebbe vantaggi dalla vostra collaborazione sicuramente ci pensera' un attimo e ti proporra' qualcosa di piu' concreto.
Ricordati che a offrire lavoro ci si presenta puliti con tuta da lavoro al seguito e alle 7.00, non alle 14.00, non ho mai assunto nessuno che si e' presentato da me dopo una mattinata di sonno, e di non demordere al primo rifiuto, chi vuole veramente lavorare si ripresenta e si ripropone perche' in una ditta per quanto piccola di una mano c'e' sempre bisogno....magari solo part time, per cominciare.... Ti auguro di risolvere positivamente la tua situazione e spero di averti presentato idee che ti siano utili nel proseguo.Tony.free
avatar
Tony.free
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 456
Data d'iscrizione : 03.11.13
Località : Oradea RO, Udine I

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  maxb. il Dom Feb 02, 2014 10:55 am

willy89 ha scritto:Da quello che mi state dicendo, ho capito che l' investimento e il rischio di riuscita è troppo alto.

Allora come si può inziare questa attività come secondo lavoro?

Ho provato a chiedere ai riparatori, se avevano bisogno di aiuto, ma non ti prende nessuno, come osso fare esperienza se nessuno è disponibile a metterti alla prova?????

Grazie dei consigli

Non vorrei sembrare scoraggiante ma, oltre alle cose giuste e sensate che ha detto TONY FREE, mi permetto di osservare che spesso, per non dire quasi sempre, vi è una coriacea resistenza da parte di riparatori e rivenditori a fare spazio a nuovi soggetti che si affaciano sul mercato. Ma questo è un retaggio direi "atavico", esiste da sempre ed in ogni settore, (specie nel vecchio continente, ma questo è un discorso diverso) ragion per cui, prima di tutto, occorre una certa dose di "garbata testardaggine" nel proporsi, unita ad una buona preparazione mentale/interiore che consenta di non demoralizzarsi di fronte al muro di ritrosia, sospetto ed ostilità umana che inevitabilmente si forma. D'altro canto chi sta dall'altra parte del "foglio con l'offerta di lavoro" spesso ti vede come un intruso, come una potenziale futura minaccia di concorrenza per la propria attività; umanamente è, in parte, comprensibile.

Comunque, riassumendo; non demordere, non ti abbattere ne perdere la fiducia alla prima seria difficoltà. Perchè se lo fai è peggio. Ma non compete a noi darti lezioni o farti una seduta psicologia on line. No di certo. 
Venendo quindi al sodo: si inizia sempre in piccolo, partendo dal lavoretto occasionale, cercando di operare al meglio (per poi mantenere tale standard) e facendo leva sulla forza del passaparola. So bene che qui siamo in un ambito pubblico e che a tal scopo bisogna misurare bene affermazioni, ma...... 
il confine tra l'operare in modo legale e sommerso, è davvero invisibile per non dire quasi del tutto assente quando si fanno i primi, piccoli passi nel mondo del lavoro di tipo artigianale. Una buona idea sarebbe anzitutto presentarsi nella locale sede dell'associazione artigiani e chiedere di essere eruditi per bene in materia. Non andare subito negli uffici pubblici a digiuno perchè il primo approccio con la burocrazia potrebbe esserti alquanto indigesto. Meglio chiedere il conforto e l'assitenza delle associazioni di categoria.
avatar
maxb.
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 1448
Data d'iscrizione : 27.06.12
Località : provincia di Varese

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  willy89 il Dom Feb 02, 2014 11:37 am

Tengo a ringraziare MAXB per la sua estrema precisione e gentilezza.

Ovviamente, ho già provato ad offrirmi come aiutante, presso vari riparatori, ma sono restii, nell'insegnare il mestiere ad altri.
Dicono che c'è poco lavoro e se gli lascio qualcosa in riparazione, mi dicono di ripassare tra 2-3 giorni.
Sono una persona tenace, però fatto il giretto da quei pochi riparatori che esistono nella mia provincia, non mi resta gran che da fare.
La volontà e la persuasione c'è tutta, ma non c'è modo di dimostrarla.

Sono partito infatti con qualche piccolo lavoretto con il passaparola, ma molto poco.

Grazie a tutti.

willy89
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 31.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  Dan56k il Dom Feb 02, 2014 11:41 am

willy89 ha scritto:
Sono partito infatti con qualche piccolo lavoretto con il passaparola

Segui i consigli di Maxb, insisti e persevera, ci vuole pazienza, ma il lavoro porta lavoro.
dan
avatar
Dan56k
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 2501
Data d'iscrizione : 15.12.11
Località : Perugia

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  Scorpione il Dom Feb 02, 2014 3:53 pm

Io credo che per aprire una officina OGGI bisogna prima di tutto essere rivenditori di un marchio bello o brutto non conta a quel punto si deve conoscere bene cosa si vende i suoi pregi e suoi difetti avere un rapporto di estrema fiducia nel marchio venduto e di collaborazione con i suoi tecnici su modifiche aggiornamenti corsi novitá e assistenza di ricambistica originale ,fatto questo potrai mettere a frutto le tue capacitá di meccanico creando la tua officina non a caso ma in base alla eventuali esigenze tue e della ditta rappresentata offrendo al cliente un servizio a 360 gradi ,la cosa importante è credere nel proprio marchio sempre aiutando il cliente con la propria professionalità ,con il tempo e umiltà potrai avere tante soddisfazioni.
avatar
Scorpione
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 223
Data d'iscrizione : 14.01.14

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  tottoli livio il Dom Feb 02, 2014 6:05 pm

dico solo 2 parole.....secondo me' per fare questo lavoro sono necessarie alcune regole....la passione...l'umilta'..e non aver paura di cambiare un tubetto (ad esempio) che costa 0.25 cent....le macchine vanno sempre consegnate pulite e provate per bene (senza aver paura di metterci troppo tempo)....
sicuramente non e' un lavoro da' prendere sotto gamba...perche' un cliente scontento vorra' dire che ad almeno ad altri 20 dira' la sua storia negativa..
chi ripara solitamente parla direttamente con il cliente,quindi gentilezza e capacita' di capire esattamente cosa vuole..essere chiari..sui prezzi e sui tempi di lavorazione....
non si puo' SICURAMENTE partire con i conti dei guadagni gia' fatti..altrimenti sara' un buco nell'acqua..
tanti auguri per la tua ottima idea...


******************************************************************************************************
il micron non e' un microbo..
avatar
tottoli livio
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 4758
Data d'iscrizione : 24.01.10
Età : 50
Località : omegna (vb) piemonte

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  maxb. il Dom Feb 02, 2014 8:58 pm

tottoli livio ha scritto:
sicuramente  non e' un  lavoro  da'  prendere  sotto gamba...perche'  un cliente  scontento  vorra'  dire  che ad almeno ad  altri  20  dira'  la sua  storia  negativa..
Non solo quoto; lo straquoto e lo evidenzio, andrebbe incorniciata e fatta imparare a memoria a chiunque lavora con il pubblico!
avatar
maxb.
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 1448
Data d'iscrizione : 27.06.12
Località : provincia di Varese

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  carlo1974 il Dom Feb 02, 2014 10:23 pm

Difficilmente un'officina avviata , accetterà un "apprendista" che và a lavorare gratis , perchè in caso di controllo , o peggio , di infortunio , sarebbero nei gui grossi . Potrebbe essere un'idea aprire una partita iva e andare a effettuare "prestazione di manodopera" con relativa fatturazzione . Và da sè che dovrai fatturare meno ore di quelle che effettivamente farai , per farti accettare all'inizio , poi, se hai i numeri, una volta conosciuto ti verranno a cercare loro al momento della bisogna . In tal modo potrai lavorare per diverse officine , a seconda delle loro necessità . Questo metodo di lavoro è sempre più utilizzato , ma verso al lavoratore offre pochi vantaggi , infatti ti dovrai tenere in regola da solo, dovrai farti un'assicurazione su malattia e infortuni, le ferie non saran pagate e lavorerai OTTO mesi su DODICI solo per pagare tasse allo stato . Oppure ci sono le alternative illegali , tipo riparare qualche atrezzo a persone conosciute , nel proprio garare ....finchè si tratta di poche cose , può andare , ma non potrai mai farti conoscere (se decidi di fare l'evasore, è meglio che rimani anonimo...) e il discorso rimarrebbe limitato .

carlo1974
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 228
Data d'iscrizione : 05.02.11
Età : 43
Località : cervia

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  peppone il Dom Feb 02, 2014 11:34 pm

carlo1974 ha scritto:Difficilmente un'officina avviata , accetterà un "apprendista" che và a lavorare gratis , perchè in caso di controllo , o peggio , di infortunio , sarebbero nei gui grossi .

meno male che qualcuno finalmente lo ha detto.
mi ero intenzionalmente astenuto dall'intervenire ulteriormente in questo topic per non affossare il discorso...ma pensare di trovare qualcuno che ti prenda come apprendista gratis in officina è (oltre che per il fatto che ovviamente nessuno ama farsi rubare il mestiere) parlare di nuvole: se l'apprendista gratis scivola e si rompe un braccio il titolare può far che chiudere immediatamente e vendere al più presto tutti i suoi beni per far fronte a quello che gli casca sulla zucca. idem se gli piomba in officina un controllo dell'ispettorato, dell'imps, dell'asl etc etc.

******************************************************************************************************
     "La caccia è una forma secondaria di malattia mentale umana"                    

     (Theodor Heuss, Presidente della Repubblica Federale di Germania dal 1949 al 1959).
avatar
peppone
Admin
Admin

Messaggi : 13272
Data d'iscrizione : 01.10.08
Età : 47
Località : mah? chi lo sa? comunque...ORIGINARIO della bassa padana

http://lamotosega.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  Tony.free il Lun Feb 03, 2014 8:20 am

visto che il riepilogo delle puntate precedenti e relativi commenti nessuno l'ha fatto fin'ora, lo faro' io:
-ricapitolando se hai perso il lavoro e ti proponi come dipendente e' come cercare un ago in un pagliaio, dove l'ago non e' mai stato perso.....
-se ti proponi in amicizia gratuitamente per farti conoscere ed eventualmente assumere e ti cade un martello sull'alluce oltre a tutti gli organi di ps, l'ispettorato del lavoro, imps, inail, la g.d.f. arrivano pure i gostbusters e gli americani che cercano gli UFO, ammesso e non concesso che il datore di lavoro ti accetti amichevolmente per insegnarti il mestiere.
-se fai dei lavoretti in garage devi lavorare con paura nascosto come un topo e possibilmente di notte ma facendo attenzione, mentre tieni la pila con la bocca, di non puntarla mai verso le finestre, di conseguenza non verrai mai conosciuto nel settore.......
-se accendi una partita iva e' la stessa cosa che accendi una miccia, la bomba e' sotto la sedia dove sei seduto, perche' lavorerai alla chiama, se verrai chiamato e poi pagato (anche i pagamenti sono un'incognita), avendo meno diritti del topo di prima con la differenza che il tuo socio (hai un socio che detiene 80% e piu' delle azioni della tua ditta individuale, essendo giovane non te ne sei reso conto al momento dell'iscrizione in camera di commercio) ti mette a lavorare per lui per ben 8 mesi all'anno senza tenere conto che potresti ammalarti, avere un infortunio, non essere pagato da un cliente o semplicemente la tua ragazza o la dolce consorte desiderano andare in ferie, mentre tu cerchi e ti disperi per continuare a lavorare e riuscire a mangiare un po' di sbobba, che sarebbe la parte che ti spetta.
- se invece, nel malaugurato caso che vuoi fare le cose piu' in grande, attingi ai risparmi tuoi, dei tuoi genitori e dei tuoi nonni e decidi di diventare un concessionario, dopo investimenti di miliardi di vecchie lirette potresti, ma e' quasi certo, trovarti nella situazione di aver scalato il monte everest e di scendere in caduta libera, caduta che trascina con te l'intera famiglia facendoti male, ma molto male al momento di toccare il suolo. Notate bene che non ho aperto capitoli sulla burocrazia perche' altrimenti rischierei di cancellare definitivamente i caratteri stampati sulla tastiera del mio pc.
A questo punto e' di un ovvio lampante che in questa italietta miseranda, un giovane non puo' lavorare, non ha come lavorare, non e' in grado di crearsi un futuro quindi, tutto il mondo del lavoro e' parlare di nuvole.......chi come me vuole lavorare per vivere deve per forza andarsene, riempie la valigia e parte, perche' il socio maggioritario occulto, vessatore e strozzino, che non intende agevolare nessuno, non ha capito che il benessere dell'imprenditore e' il benessere dei dipendenti e viceversa, ed insieme sono la risorsa per il benessere della collettivita'.
Conte direbbe : aggghiacciandeeee signooori miei, aggghiaccciandeeeee !!
avatar
Tony.free
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 456
Data d'iscrizione : 03.11.13
Località : Oradea RO, Udine I

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  willy89 il Lun Feb 03, 2014 8:55 am

Capisco benissimo che il mondo del lavoro, offre pochissimo e non da la possibilità di dimostrare ciò che ognuno sa fare. Nemmeno mette in condizioni un datore di lavoro, di assumere un ragazzo per lavorare con spese minime, in modo da poterlo reinserire pian piano.
E' vero anche che in questa Italia, o sei nato riparatore, o non potrai mai fare questo lavoro, perchè nessuno mai te lo vuole insegnare.
Questo succede in tulle attività artigiane, ho trovato la stessa difficoltà nel fare l' elettricista ed altro.
Avete ragioni, le officine hanno problemi con l' INPS, INAIL, della GDF e quantaltro, però a me sembra che quando fanno le riparazioni e si fanno pagare senza fare nessuno scontrino, si dimenticano di tutti e magicamente non si preoccupano di nulla.
Allora il discorso è anche che si vuol prendere, ma non si vuole regalare niente a nessuno.
Forse è meglio fare il topo da garage, come diceva qualcuno e accontentarsi di fare poco, purchè nulla.
Viste le difficoltà, anche da voi confermate e comunque la passione per il settore che mi resta, che ne dite potrei fare il rappresentante di attrezzature o ricambi?

willy89
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 31.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  Dan56k il Lun Feb 03, 2014 9:29 am

Tony.free ha scritto:visto che il riepilogo delle puntate precedenti e relativi commenti nessuno l'ha fatto fin'ora, lo faro' io:

OT
Come sostiene lo scrittore Antonio Menna, se Steve Jobs fosse nato a Napoli non sarebbe mai riuscito a creare la Apple. Fine OT
Ciò che sostiene Tony.free può anche avere delle fondamenta basate sulla realtà quotidiana del nostro paese, ma il discorso è molto delicato ed esula del tutto dagli scopi del nostro Forum, e se proseguisse rischierebbe di sfociare in una trasgressione all'art. 4 del nostro Regolamento.
Pertanto prego tutti di tornare in argomento evitando considerazioni di carattere politico-sociale, grazie.
Dan
avatar
Dan56k
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 2501
Data d'iscrizione : 15.12.11
Località : Perugia

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  willy89 il Gio Set 11, 2014 8:28 pm

Chiunque volesse dare suggerimenti è sempre ben accetto, alla mia idea dell' apertura di un' officina riparazioni attrezzature agricole.

In particolare vorreiavere un' idea dell' investimento per l' allestimento dell' officina (attrezzature).

Grazie

willy89
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 31.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  maxb. il Ven Set 12, 2014 10:35 am

willy89 ha scritto:
In particolare vorreiavere un' idea dell' investimento per l' allestimento dell' officina (attrezzature).

Grazie

supponiamo di partire da zero. ovvero non hai assolutamente niente salvo i locali.

- utensileria basilare, di buona qualità(incluso carrello e pannello atrezzi): circa 4000 euro
- uno o due banchi da lavoro con morse e cassettiere: circa 1000 euro
- elettroutensili vari,compressore, affilacatene per motoseghe, rettificatrice per barre: altri 1500 euro
- un sollevatore per riparare tosaerba, motozappe, motocoltivatori e trattorini entro 400 kg: euro 2000
- vasche raccolta olio, taniche, imbuti, strumenti di misura, un multimetro e qualche altro accessorio: un migliaio di euro ancora.
il totale è presto fatto.

senza considerare gli utensili speciali che se si lavora su certi tipi di prodotti spesso sono quasi indispensabili.

se ti orienti sul usato, considerando la quantità di aziende che hanno chiuso o sono in liquidazione in italia, penso che troverai veri e propri mari di materiale. occorre solo tempo per visionare le cose e conoscenza per non comprare articoli del tutto inutili.
avatar
maxb.
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 1448
Data d'iscrizione : 27.06.12
Località : provincia di Varese

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  ferrari giacomo il Ven Set 12, 2014 1:27 pm

senza contare che devi farti un po di magazzino di ricambi basilari,membrane,candele,lame rasaerba,catene motosega,barre motosega,filtri aria di vari tipi ecc. e anche qui aggiungi dai 2000 ai 3000 eurini solo per le cose di ''tutti i giorni'' senza contare ricambi dedicati delle varie marche
avatar
ferrari giacomo
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 503
Data d'iscrizione : 11.11.10
Età : 31
Località : montereale valcellina pordenone

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  iury1977 il Ven Set 12, 2014 1:50 pm

Non dimenticare però un dettaglio non di poco conto, costi e tempi delle burocrazia italiana, licenze, nulla osta degli organi preposti, partita IVA, ecc. ecc...

******************************************************************************************************
pretendiamo dalla natura ma prima prendiamocene cura e rispettiamola! solo così saremo realmente in simbiosi
avatar
iury1977
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 5091
Data d'iscrizione : 29.04.10
Età : 40
Località : Chiavenna (SO)

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  marzot il Ven Set 12, 2014 4:16 pm

willy89 ha scritto:Chiunque volesse dare suggerimenti è sempre ben accetto, alla mia idea dell' apertura di un' officina riparazioni attrezzature agricole.

In particolare vorreiavere un' idea dell' investimento per l' allestimento dell' officina (attrezzature).

Grazie
Domanda: hai mai effettuato delle riparazioni? Di che tipo e con quali attrezzature? Dai suggerimenti che chiedi presumo che non hai molta dimestichezza e conoscenza di cosa ti potrebbe servire. Se fosse così fai pratica in  garage e vedrai che quello che ti serve lo capirai da solo. Auguri di cuore

marzot
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 313
Data d'iscrizione : 20.11.12
Località : Trentino

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  willy89 il Ven Set 12, 2014 5:03 pm

Buonasera, riparazioni in garage già ne faccio, riparo qualche motosega e decespugliatori, per quello che posso fare. Ovviamente ho già dei miei utensili, un banco di lavoro con morsa ed altro, che utilizzo anche per altri tipi di manutenzioni, ma nulla di specifico per attrezzature di giatdinaggio. Però volendo mettere una piccola officina, pensavo di allestirla con un banco e un pannello con utensili nuovi e di ottima qualità Wurth,Beta etcc
Poi acquisterei una macchinetta per affilare catene delle motoseghe.

Continuate con i consigli, vi sono grato, se mi riuscite a fare un po di chiarezza. Grazie

willy89
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 31.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  maxb. il Sab Set 13, 2014 1:19 pm

mah io penso che ormai si sia affrontato l'argomento in lungo e in largo...  a questo punto devi iniziare a pensare seriamente di regolarizzare prima di tutto la tua posizione. Il lavoro nero, checcè se ne dica è sempre una scelta deprecabile.
fatto questo devi individuare un paio di fornitori per il materiale, ad esempio vi sono importanti ed efficenti organizzazionni tedesche come ratioparts e granit che dispongono di un offerta di materiale veramente sterminata e poi hanno anche un vastissimo assortimento di atrezzature. wurth è una scelta di alta qualità, ma non sempre i costi sono giustificabili. inoltre, per le sole forniture di ricambi, vi sono molti qualificiati fornitori anche in italia, ma non so se sia il caso, vito il regolamento, di mettermi a sciorinare uan sfilza di nomi.....


Ultima modifica di beppe65 il Sab Set 13, 2014 1:53 pm, modificato 1 volta (Motivazione : Rimozione quote superfluo...)
avatar
maxb.
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 1448
Data d'iscrizione : 27.06.12
Località : provincia di Varese

Tornare in alto Andare in basso

Re: APERTURA OFFICINA RIPARATORE

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum