Accedi

Recuperare la parola d'ordine

IL NOSTRO FORUM
questo è l'unico forum in lingua italiana esclusivamente dedicato al mondo delle motoseghe, dei decespugliatori, dei vari attrezzi da taglio e delle altre attrezzature di piccole e medie dimensioni da lavoro agriboschivo. in 14 sezioni per un totale di oltre 230 sottosezioni viene trattato qualsiasi aspetto delle motoseghe, delle altre macchine da lavoro e del loro impiego: dall'officina alla manutenzione, dagli esplosi alle indicazioni sugli acquisti, dalle gamme complete dei produttori alle modalità di utilizzo. si affrontano inoltre svariati argomenti correlati quali i legnami, il lavoro in sicurezza, il giardinaggio e la meteorologia.
read the forum in other languages

MAIL DELL’ AMMINISTRATORE
per problemi di connessione, perdita password, lamentele, idee, collaborazioni, invio di materiale in pdf e altre necessità lamotosega@yahoo.it
MAIL DELLO STAFF MODERATORI
per invio foto o altre richieste staff.lamotosega@yahoo.it (la posta in arrivo verrà evasa solo agli iscritti che si qualificano con nickname del forum)
Ultimi argomenti
» Kawasaki tj 53e a zaino?
Da Kromer Oggi a 5:53 pm

» ASCE - ACCETTE parte 3
Da Carletto Oggi a 5:50 pm

» Jonsered e Husqvarna sorelle o lontane parenti?
Da worior Oggi a 5:09 pm

» quanta legna posso ricavare per ettaro ?
Da penacchiese Oggi a 5:01 pm

» MOTOZAPPE
Da resergio Oggi a 4:56 pm

» acquisto husqvarna 357xp o jonsered cs 2260
Da nickseda Oggi a 4:35 pm

» Rimontaggio frizione oleomac gs260
Da Piero1777 Oggi a 4:24 pm

» problema pompa olio
Da Piero1777 Oggi a 4:23 pm

» Regolazione pompa olio oleomac 251
Da nitro52 Oggi a 3:16 pm

» vendo legno di bosso
Da nitro52 Oggi a 3:04 pm

» Active 28.28 vs husqvarna t 425
Da Stubb's Oggi a 2:41 pm

» TELEFERICHE E VERRICELLI PER ESBOSCO E TRASPORTO MATERIALE
Da ferrari-tractor Oggi a 1:04 pm

» Perdita serbatoio tanaka ecs 320
Da Kromer Oggi a 11:49 am

» che musica stiamo ascoltando
Da Ghepardo Oggi a 11:38 am

» spaccalegna autocostruito
Da frabonovox Oggi a 11:21 am

» Avviamento jonsered 2153
Da andrea abruzzo Oggi a 10:14 am

» cavolo nero e parassiti
Da emilio79 Oggi a 7:37 am

» Previsioni per Venerdì 28 Novembre 2014
Da davide depaoli Oggi a 6:32 am

» MOTOSEGHE PROFESSIONALI parte 2
Da Albè Oggi a 12:32 am

» OLIVO
Da Nonno_sprint Ieri a 11:13 pm

» Manuale operatore mcculloch pm 480
Da Nonno_sprint Ieri a 10:50 pm

» consiglio x motosega dolmar.
Da beppe65 Ieri a 9:37 pm

» Problema spaccalegna che "grida"
Da cpstihl Ieri a 9:01 pm

» Motosega Farm vecchia senza freno
Da pilino Ieri a 8:14 pm

» ATTENZIONE LEGGETE TUTTI E FATE GIRARE LA VOCE. nuovo prodotto: la frode. parte 2
Da azzalini69 Ieri a 7:08 pm

» Aiuto per motosega Oleo-Mac 951....
Da Kromer Ieri a 4:29 pm

» Mitsubishi Tl43
Da baboone Ieri a 2:34 pm

» POMODORO
Da emilio79 Ieri a 12:22 pm

» Problema su Stihl MS192T
Da iury1977 Ieri a 12:12 pm

» Dolmar PS420SC o shindawa 452s?
Da riccardo Ieri a 11:41 am

» albero motore oleomac 935 df
Da forno luciano Ieri a 10:15 am

» MOTOCOLTIVATORI
Da riccardo Ieri a 8:53 am

» Previsioni per Giovedì 27 Novembre 2014
Da davide depaoli Ieri a 6:37 am

» Manutenzione olemac 240, pompa e guarnizioni.
Da Leo91 Mar Nov 25, 2014 7:09 pm

» OLIO MISCELA: TIPI - QUALITA' - DOSI parte 2
Da riccardo Mar Nov 25, 2014 6:59 pm

» vendo motosega oleomac 261 g super !!
Da resergio Mar Nov 25, 2014 6:09 pm

» oleomac gs 370
Da cariol Mar Nov 25, 2014 5:46 pm

» foto dei posti in cui viviamo
Da resergio Mar Nov 25, 2014 5:12 pm

» Regolazione carburazione blitz b 45
Da nitro52 Mar Nov 25, 2014 4:01 pm

» Una mangiata per "le camice a quadrettoni"
Da iury1977 Mar Nov 25, 2014 3:06 pm

Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Statistiche
Abbiamo 12133 membri registrati
L'ultimo utente registrato è akme1

I nostri membri hanno inviato un totale di 149477 messaggi in 8080 argomenti
Chi è in linea
In totale ci sono 175 utenti in linea :: 20 Registrati, 1 Nascosto e 154 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Alessio510, Anto86, azzalini69, benve, beppe65, Carletto, Dan56k, Don Camillo, ermanno g.b., ferrari-tractor, Kromer, Leos86, LorenzoG, mais73, mesodcaburei, penacchiese, Piero1777, pilino, Poseidon X6, riccardo

Il numero massimo degli utenti in linea è stato 324 il Mer Apr 09, 2014 10:05 pm
Sondaggio

La Migliore Motosega Professionale da 50cc

26% 26% [ 69 ]
38% 38% [ 101 ]
14% 14% [ 38 ]
3% 3% [ 9 ]
4% 4% [ 10 ]
5% 5% [ 13 ]
1% 1% [ 4 ]
9% 9% [ 23 ]
1% 1% [ 2 ]

Totale dei voti : 269


TELEFERICHE: CENNI TECNICI SULLA COSTRUZIONE

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

TELEFERICHE: CENNI TECNICI SULLA COSTRUZIONE

Messaggio  arnaldo il Lun Dic 13, 2010 9:20 pm

Siccome abbiamo parlato in un altro topic di carrelli pescanti per teleferica, ho pensato di aprire questo argomento per illustrare attraverso grafici e disegni la metodologia e i materiali necessari per costruire un impianto forestale di teleferica o gru o cavo.
Cerchero il più possibile di illustrare con disegni semplici e intuitivi come si puo montare una linea aerea per farvi scorrere un carrello o semplicemente per farvi scendere dei carichi tramite carrucole a gravità.
Comincio col dividere la tipologia delle teleferiche in due gruppi, impianti monofune per discesa di carico e impianto bifune per il trasporto a monte di un carico tramite carrello.
Ora qualcuno dirà che si possono fare anche altre tipologie di impianti, infatti sono diverse le soluzioni da poter utilizzare, ma per semplificare direi di concentrarci su queste due possibilità, almeno in un primo momento, poi più avanti si può parlare anche di impianti ad anello, va e vieni o altri ancora.
Cominciamo con un semplice impianto di discesa monofune a gravità.
Questo tipo di teleferica consente di inviare a valle dei carichi usando semplicemente una fune portante e delle carrucole per attacarvici un tronco unico o dei fasci di legna.
se cliccate il link qua sotto, potete vedere delle foto postate da fernando di come sono fatte le carrucole da teleferica, trovate inoltre un disegno che spiega come fare per costrure dei rampini in legno da utilizzare assieme o in alternativa alle carrucole.

http://lamotosega.forumattivo.com/attrezzature-non-da-taglio-da-lavoro-boschivo-f174/teleferiche-e-verricelli-per-esbosco-t1146.htm

la scelta sull'utilizzo di carrucola o rampino va fatta tenendo conto della pendenza e relativa velocità di discesa del carico, ovvero, se avete montato una linea in forte pendenza e utilizzate una o due carrucole potrebbe essere che il carico prende troppa velocita, questo potrebbe risultare pericoloso sia durante la discesa che al momento di arrivo a valle.
Per rallentare la velocita di sicesa si puo utilizzare una carrucola nella parte anteriore e un rampino di legno ( che ne rallenta la discesa) nella parte posteriore del carico, questo ovviamente per una linea a campata unica.

per costruire una linea a campata unica servono:
-Cavo portante ( fune in acciaio intrecciato )
-morsetti per fissaggio e ancoraggio della fune
-rana o morsetto per la tensione della portante
-tirfor o verricello per tensionare la portante
-carrucole di rinvio per il fissaggio della portante ai ritti di partenza e arrivo
-braghe in poliestere per fissaggio sulle piante delle carrucole
-cavi per controventature dei ritti
esempio di ancoraggio a valle di fune portante



esempio di ancoraggio a monte di portante e fune traente con verricello e carrello pescante




Ultima modifica di peppone il Mar Dic 14, 2010 7:59 pm, modificato 3 volte (Ragione : aggiunta)

arnaldo
ex moderatori
ex moderatori

Messaggi: 905
Data d'iscrizione: 07.02.10
Età: 47
Località: trasaghis udine

Tornare in alto Andare in basso

Re: TELEFERICHE: CENNI TECNICI SULLA COSTRUZIONE

Messaggio  arnaldo il Mar Dic 14, 2010 9:27 pm

Una cosa indispensabile per la costruzione di una qualsiasi teleferica è una buona conoscenza dell'uso e della tipologia dei vari cavi in acciaio.
Qua sotto trovate un link dove ho postato un manuale che spiega un po come utilizzare e manutentare i cavi in acciaio.

http://www.pdf-archive.com/2010/12/14/uso-e-manutenzioni-funi-metalliche/


Ultima modifica di arnaldo il Mar Dic 14, 2010 9:30 pm, modificato 1 volta (Ragione : correzione)

arnaldo
ex moderatori
ex moderatori

Messaggi: 905
Data d'iscrizione: 07.02.10
Età: 47
Località: trasaghis udine

Tornare in alto Andare in basso

Re: TELEFERICHE: CENNI TECNICI SULLA COSTRUZIONE

Messaggio  arnaldo il Mer Dic 15, 2010 10:24 pm

Abbiamo parlato di funi portanti, tipologie e loro specificità, ora proviamo a descrivere il metodo di installazione e tensionatura di una portante.
Solitamente viene trasportata in bobina o in fascio, per stenderla bisogna cercare di mantenere una linea il piu dritto possibile, l'ideale sarebbe di portarla a monte e poi stenderla, attenzione a che non si creino torsioni e aggrovigliamenti.
Se stiamo montando una portante per l'esbosco in salita tramite carrello pescante ci si dovrebbe già trovare a monte, il ritto a valle sarà la parte finale della linea, ovvero l'estremita dove viene fissata ad una pianta appositamente controventata.
Per legare la fune all'albero esistono vari metodi, il piu semplice consiste in fare uno o due giri morti e poi accoppiare i due cavi con morsetti (successivamente vi postero una tabella che indica quanti morsetti e a che distanza vanno messi in base al diametro della fune), attenzione a mettere qualcosa che eviti il taglio della corteccia da parte del cavo, avvolgere il tronco con un foglio di gomma oppure legarci attorno al fusto degli spezzoni di lego.
A questo punto dobbiamo posizionare una carrucola di rinvio per la tensionatura della portante, usando delle braghe di poliestere montiamo la carrucola sul ritto a monte,
ora armati di tirfor e tiro a taglie dobbiamo tesarla, a questo punto ci servono dei morsetti particolari che ci diano la possibilita di agganciarci alla portante con il tirfor, esistono in commercio varie tipologie di morsetti, le classiche "rane" che io considero piutosto leggerine e che tendono a rovinare il cavo, oppure ci sono dei morsetti a cuneo, o a parralelogramma ( se trovo delle foto le postero) esistono anche dei morsettoni automatici con taglia incorporata e addirittura dinamometro incorporato.
Altra possibilità è il ricorso all'autocostruzione


oppure esistono questi, semplici ed economici




arnaldo
ex moderatori
ex moderatori

Messaggi: 905
Data d'iscrizione: 07.02.10
Età: 47
Località: trasaghis udine

Tornare in alto Andare in basso

Re: TELEFERICHE: CENNI TECNICI SULLA COSTRUZIONE

Messaggio  arnaldo il Mer Dic 15, 2010 10:39 pm

altre tipologie di morsetti:


classica rana




Se volete dare un occhio a questo sito potrete vedere delle foto interessanti che vi mostrano come si usano i morsetti o le taglie
http://www.funiforum.org/funiforum/portal.php

arnaldo
ex moderatori
ex moderatori

Messaggi: 905
Data d'iscrizione: 07.02.10
Età: 47
Località: trasaghis udine

Tornare in alto Andare in basso

Re: TELEFERICHE: CENNI TECNICI SULLA COSTRUZIONE

Messaggio  arnaldo il Gio Dic 16, 2010 10:50 pm

Tipologie di funi piu usate per la costruzione di teleferiche ad uso forestale




arnaldo
ex moderatori
ex moderatori

Messaggi: 905
Data d'iscrizione: 07.02.10
Età: 47
Località: trasaghis udine

Tornare in alto Andare in basso

Re: TELEFERICHE: CENNI TECNICI SULLA COSTRUZIONE

Messaggio  arnaldo il Gio Dic 16, 2010 10:53 pm

prospetto di linea a doppia corda, Portant e etraente con carrello a taglia



ho posizionato in due punti diversi il carrello della traente, solo per illustrare due diverse possibilita di piazzamento, in base alla morfologia del terreno e al tipo di verricello che usiamo.


Ultima modifica di arnaldo il Gio Dic 16, 2010 10:55 pm, modificato 1 volta (Ragione : aggiunta)

arnaldo
ex moderatori
ex moderatori

Messaggi: 905
Data d'iscrizione: 07.02.10
Età: 47
Località: trasaghis udine

Tornare in alto Andare in basso

Re: TELEFERICHE: CENNI TECNICI SULLA COSTRUZIONE

Messaggio  arnaldo il Gio Dic 16, 2010 11:45 pm

Come si tesa una portante.
Per una progettazione precisa, da manuale, di una teleferica, bisogna tenere conti di molteplici fattori, peso della portante, carico di rottura, coeficente di sicurezza, peso della portante per metro,peso del carrello, peso utile del carico trasportato, fattore di carico, tensione dovuta al dislivello ecc ecc.
Se poi la portante non è a campata unica, ovvero ci sono delle scarpe di sostegno le cose si complicano ulteriormente, essendo noi boscaioli della domenica limitiamoci a parlare di teleferiche ad una campata, teniamo conto del carico di rottura e della quantita di carico che dobbiamo trasportare. Abbiamo steso e ancorato la portante al ritto a valle, ora cominciamo a tenderla agganciando ad un morsettone un tirfor, quanto tiriamo? avete un dinamometro? no sicuramente, sono strumenti che non sappiamo neanche come sono fatti, oppure non sapremo dove comprarli, forse alcuni di voi ne utilizzano a lavoro, e magari come potrei fare io ce lo facciamo prestare, ma chi non ha questa possibilità che fa rinuncia?
Ebbene cè un metodo per verificare la tensionatura mediante l'ossilazione della fune, si chiama metodo Citari-Pestal, battendo con forza sulla portante, nelle vicinanze di un punto di appoggio, parte un'onda elastica che si trasmette fino al punto di ancoraggio sucessivo e torna indietro, cronometrando questo tempo si puo fare un calcolo che ci puo dire se la portante e tensionata bene, dobbiamo avere però almeno una conoscenza prossimativa di quanto l'abbiamo pretensionata.

qeste sono le formule da usare
t - durata oscilazione in secondi
L - lunghezza campata in etometri
q - peso kg-m della fune
S - tensione base della fune in 1000 daN

per semplificare, in una campata, se la durata dell'oscilazione in secondi ( andata e ritorno) moltiplicata x 1,2 è uguale alla lunghezza della fune in etometri la tensionatura è corretta..
Facile vero?

arnaldo
ex moderatori
ex moderatori

Messaggi: 905
Data d'iscrizione: 07.02.10
Età: 47
Località: trasaghis udine

Tornare in alto Andare in basso

Re: TELEFERICHE: CENNI TECNICI SULLA COSTRUZIONE

Messaggio  arnaldo il Ven Dic 17, 2010 10:50 pm

ecco due link utili postati da Fernando in un altra sezione

http://www.winsif.com/help_sif/pagine/help_calcolo_Lin_fun.doc

http://www.dispenseagrariatorino.it/forestale/difesadelsuolo/difesadelsuolo1livello/2anno/realizzazionedegliiterventiforestali/macchineforestali/gru%20a%20cavo.pdf


Ultima modifica di arnaldo il Ven Dic 17, 2010 10:51 pm, modificato 1 volta (Ragione : aggiunta)

arnaldo
ex moderatori
ex moderatori

Messaggi: 905
Data d'iscrizione: 07.02.10
Età: 47
Località: trasaghis udine

Tornare in alto Andare in basso

Re: TELEFERICHE: CENNI TECNICI SULLA COSTRUZIONE

Messaggio  arnaldo il Ven Dic 17, 2010 11:39 pm

Le teleferiche forestali sono il mezzo più semplice ed economico per raggiungere zone di esbosco particolarmente disagiate, negli anni passati, nelle valli alpine non v'era paese che non avesse una o piu linee che scendevano dalle zone piu alte e impervie ai fondovalle o nelle immediate vicinanze di una carrabile. A quei tempi infatti non esistevano piste forestali, le prime sterrate furono costruite solo in occasione delle costruzioni militari durante la prima guerra mondiale, piccole mulattiere o carrabili larghe un paio di metri.
Era quindi indispensabile trovare un sistema che permetesse di devallare legna o fieno in modo veloce pratico e il meno possibile oneroso, cominciarono cosi a comparire le prime teleferiche semplici, ovvero una fune tesa che collegava due punti anche molto distanti fra di loro (addirittura fino a 4 km) dove vi si faceva sendere il carico per gravità usando carrucole o rampini, questi impianti si chiamo "teleferiche monofuni, palorici o sbalzi"
Per lavori piu importanti dove veniva richiesto di poter trasportare dei materiali sia in discesa che in salita si costruivano delle teleferiche trifuni con portante e traente ad anello che movimentava un carrello, questi impianti venivano chiamati anche "va e vieni".
Attualmente questi metodi sono quasi dappertutto scomparsi, ora si utilizzano impianti fissi o mobili detti bifune, si tratta di una fune portante ed una traente che movimenta un carrello, ci sono vari tipi di carrello per sistemi di trasporto altrettanto diversi fra di loro:
-Trasporto con strascico a terra del carico.
-Trasporto a testa alta del carico.
-Trasporto del carico su fune portante.
Per il trasporto del carico su fune portante si aprono diverse possibilità;
-Trasporto per gravità:
impianti mono o bifuni che necessitano di una minima pendenza per poter funzionare,
dove i carichi possono venire trasportati a monte tramite l'ausilio di un verricello
traente e vi si trasporta il carico o comletamente sollevato o a testa alta tramite
l'utilizzo di un carrello, oppure solamente in discesa con l'ausilio di sole carrucole e
rampini.
-Trasporto all terrain :
impianti trifuni che lavorano in qualsiasi tipo di terreno e il trasporto in salita puo
avvenire sia a testa alta che sollevato.



arnaldo
ex moderatori
ex moderatori

Messaggi: 905
Data d'iscrizione: 07.02.10
Età: 47
Località: trasaghis udine

Tornare in alto Andare in basso

Re: TELEFERICHE: CENNI TECNICI SULLA COSTRUZIONE

Messaggio  arnaldo il Dom Dic 19, 2010 10:06 pm

prospetto di teleferica con carrello pescante esbosco in salita.

arnaldo
ex moderatori
ex moderatori

Messaggi: 905
Data d'iscrizione: 07.02.10
Età: 47
Località: trasaghis udine

Tornare in alto Andare in basso

Re: TELEFERICHE: CENNI TECNICI SULLA COSTRUZIONE

Messaggio  arnaldo il Dom Dic 19, 2010 10:21 pm

Questo è un interessante manuale che illustra semplicemente i vari sistemi di teleferica
pdf file: gru a cavo.pdf

arnaldo
ex moderatori
ex moderatori

Messaggi: 905
Data d'iscrizione: 07.02.10
Età: 47
Località: trasaghis udine

Tornare in alto Andare in basso

Re: TELEFERICHE: CENNI TECNICI SULLA COSTRUZIONE

Messaggio  arnaldo il Lun Gen 31, 2011 7:11 pm

esempio di ancoraggio e prima tesatura della portante



corretto posizionamento dei morsetti

arnaldo
ex moderatori
ex moderatori

Messaggi: 905
Data d'iscrizione: 07.02.10
Età: 47
Località: trasaghis udine

Tornare in alto Andare in basso

Re: TELEFERICHE: CENNI TECNICI SULLA COSTRUZIONE

Messaggio  arnaldo il Lun Gen 31, 2011 9:08 pm

Cavalletti o falconi
I cavalletti o falconi sono i sostegni che servono a posizionare una scarpa lungo la portante per tenerla sollevata da terra in caso di campate troppo lunghe o per scavalcare dei rilievi del terreno. Esistono diversi tipi di cavalletti che si differenziano per il diverso metodo di costruzione:
falcone con punta a terra
falcone aereo
cavalletto a portale
cavalletto a puntone
puntone a pianta inclinata
cavalletto pretensionato
cavalletto ad aeroplano
cavalletti artificiali
ecc eccc
Per semplificare vi posto due disegni dei cavalletti piu frequentemente usati e di piu facile costruzione
a portale

ad aeroplano









arnaldo
ex moderatori
ex moderatori

Messaggi: 905
Data d'iscrizione: 07.02.10
Età: 47
Località: trasaghis udine

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

Permesso del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum