Argomenti simili
Accedi

Ho dimenticato la password

IL NOSTRO FORUM
questo è l'unico forum in lingua italiana esclusivamente dedicato al mondo delle motoseghe, dei decespugliatori, dei vari attrezzi da taglio e delle altre attrezzature di piccole e medie dimensioni da lavoro agriboschivo. in 14 sezioni per un totale di oltre 230 sottosezioni viene trattato qualsiasi aspetto delle motoseghe, delle altre macchine da lavoro e del loro impiego: dall'officina alla manutenzione, dagli esplosi alle indicazioni sugli acquisti, dalle gamme complete dei produttori alle modalità di utilizzo. si affrontano inoltre svariati argomenti correlati quali i legnami, il lavoro in sicurezza, il giardinaggio e la meteorologia.
read the forum in other languages

MAIL DELL’ AMMINISTRATORE
per problemi di connessione, perdita password, lamentele, idee, collaborazioni, invio di materiale in pdf e altre necessità lamotosega@yahoo.it
MAIL DELLO STAFF MODERATORI
per invio foto o altre richieste staff.lamotosega@yahoo.it (la posta in arrivo verrà evasa solo agli iscritti che si qualificano con nickname del forum)
Ultimi argomenti
» OLIO MISCELA: TIPI - QUALITA' - DOSI parte 3
Da Ceppo77 Oggi alle 7:50 am

» Asparagi selvatici
Da loker Oggi alle 7:46 am

» Cuscinetto a rulli frizione incollato
Da Alessio510 Oggi alle 4:00 am

» Vecchissima Blitz 300 Electronic
Da Alessio510 Oggi alle 3:57 am

» Regolazione pompa olio oleomac 251
Da Nonno_sprint Ieri alle 9:22 pm

» contenitore benzina
Da gpf78 Ieri alle 8:56 pm

» Carburazione Active 40.40
Da MMS Ieri alle 7:42 pm

» RONCOLE - MACHETE - MANARESSI
Da RodiZegna Ieri alle 7:33 pm

» Decespugliatore troppo lungo
Da Toelupe Ieri alle 7:27 pm

» CESOIE - FORBICI - TRONCARAMI
Da invictus Ieri alle 7:05 pm

» Rottura chiavetta volano!! Aiuto
Da Alessio510 Ieri alle 6:21 pm

» ABBACCHIATORI E SCUOTITORI
Da pw31 Ieri alle 6:13 pm

» FOTO DELLE NOSTRE MOTOSEGHE DA LAVORO
Da Ceppo77 Ieri alle 5:02 pm

» Husqvarna 336
Da falcetto Ieri alle 3:56 pm

» Stihl MS271 oppure MS311
Da luca31 Ieri alle 8:23 am

» Modifica Filtro aria Goldoni UNO 8DS
Da ferrari-tractor Ieri alle 7:37 am

» Active 39.39 non esce olio catena
Da luca31 Ieri alle 1:47 am

» Castagne e castanicoltura
Da RodiZegna Dom Ott 15, 2017 9:36 pm

» Motori a basso carico, imbrattamento candela
Da Laser Dom Ott 15, 2017 8:37 pm

» Utilizzo del blocco acceleratore
Da sgaragnone Dom Ott 15, 2017 8:28 pm

» Con piante da 60cm diam - Che motosega acquistare?
Da Piero1777 Dom Ott 15, 2017 8:21 pm

» Messa in moto del soffiatore (shindaiwa)
Da simone.cc94 Dom Ott 15, 2017 7:11 pm

» coppia conica
Da luca31 Dom Ott 15, 2017 4:55 pm

» Decespugliatore Sternwins PBC431
Da nitro52 Dom Ott 15, 2017 3:20 pm

» informazioni motosega sconosciuta
Da Alessio510 Dom Ott 15, 2017 8:45 am

» Solo 636 pompa olio
Da peppe30679 Dom Ott 15, 2017 6:07 am

» prezzo legna uso civico
Da Ghepardo Sab Ott 14, 2017 8:13 pm

» OLIO CATENA
Da jackfiora Sab Ott 14, 2017 8:00 pm

» SOFFIATORI
Da Marino76 Sab Ott 14, 2017 6:56 pm

» Restauro Oleomac 240 (Papillon Cutter)
Da SuperUCCU Sab Ott 14, 2017 6:14 pm

» Colore candela stihl fr 480
Da Stepmeister Sab Ott 14, 2017 1:23 pm

» * Ricambi vari motoseghe
Da Federico Mo Sab Ott 14, 2017 10:54 am

» reastauro Stihl 064 codice colori ral
Da urcellin Sab Ott 14, 2017 7:09 am

» DECESPUGLIATORI HOBBISTICI
Da falcetto Sab Ott 14, 2017 6:18 am

» Problema carburatori zama senza l e h
Da Federico Mo Ven Ott 13, 2017 10:24 pm

» DECESPUGLIATORI:2T VS 4T
Da The Red Baron Ven Ott 13, 2017 8:45 pm

» foto di alcune membrane
Da nitro52 Ven Ott 13, 2017 2:52 pm

» Dece Kawasaki tj45 imballato
Da Stepmeister Ven Ott 13, 2017 8:37 am

» * Cerco motosega Oleomac 233 o equivalente, per ricambi
Da SuperUCCU Ven Ott 13, 2017 5:59 am

» Ingranaggi per tosasiepi
Da Stepmeister Gio Ott 12, 2017 8:35 pm

Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Statistiche
Abbiamo 16968 membri registrati
L'ultimo utente registrato è pier paolo

I nostri membri hanno inviato un totale di 222239 messaggi in 10684 argomenti
Chi è in linea
In totale ci sono 123 utenti in linea: 12 Registrati, 0 Nascosti e 111 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Alessio510, boscocastagno, carlo f, Ceppo77, dalbach, ferrari-tractor, Fox84, Ghepardo, loker, luca31, mesodcaburei, The Red Baron

Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 370 il Lun Mar 23, 2015 8:17 pm
Sondaggio

La Migliore Motosega Professionale da 50cc

30% 30% [ 158 ]
35% 35% [ 184 ]
12% 12% [ 64 ]
2% 2% [ 13 ]
4% 4% [ 20 ]
5% 5% [ 24 ]
2% 2% [ 11 ]
9% 9% [ 47 ]
1% 1% [ 5 ]

Totale dei voti : 526


cinipide galligeno del castagno

Pagina 1 di 7 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

cinipide galligeno del castagno

Messaggio  cri393 il Lun Mag 09, 2011 7:14 pm

questo è un pezzo di una ricerca che ho fatto su questo insetto che stà procurando danni incredibili tra cuneo e liguria se riesco inserisco anche delle foto...scusate se non è curato come una tesi universitaria ma quello che c'è scritto è vero... Very Happy

Cos’è il Cinipide galligeno del Castagno?
L’imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu è un piccolo insetto di colore nero da adulto, particolarmente dannoso per il castagno, originario della Cina ma ormai ampiamente diffuso in Giappone, Corea e Stati Uniti. L’insetto è stato segnalato per la prima volta in Italia nel 2002 (prima segnalazione anche per l’Europa) in provincia di Cuneo.

Danni
Gli attacchi di questo temibile fitofago possono determinare gravi danni, con perdite rilevanti non solo per quanto riguarda la produzione di frutti, ma anche con riferimento agli accrescimenti legnosi. La puntura di questo insetto determina la creazione di una galla che causa una perdita di sostanze nutritive per la pianta.

Precauzioni da adottare
Si raccomanda, al fine di ostacolarne la diffusione, di evitare l’introduzione di piantine, astoni e marze provenienti dalle aree ove il Cinipide è stabilmente insediato. Bisogna infatti ricordare che nel periodo invernale risulta difficile
individuare con controlli in campo la presenza delle larve di prima età nelle gemme. Il Cinipide galligeno del castagno può diffondersi peraltro mediante il volo delle femmine adulte e con il loro trasporto accidentale da parte di
autoveicoli. Il mezzo di diffusione più pericoloso è comunque
rappresentato dall’impiego di materiale di propagazione proveniente dalle aree infestate.

Prospettive di controllo
Le prospettive di controllo a medio termine di questa nuova avversità del Castagno si basano in primo luogo sulle possibilità di utilizzo nei nostri ambienti di antagonisti naturali del Cinipide provenienti dall’areale originario del fitofago.

[img][/img]

[img][/img]


Ultima modifica di cri393 il Lun Mag 09, 2011 7:23 pm, modificato 1 volta
avatar
cri393
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 1154
Data d'iscrizione : 10.08.10
Località : genova

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  peppone il Lun Mag 09, 2011 7:18 pm

grazie per l'interessantissimo contributo cri393.
perchè ce ne hai fornito solo "un pezzo"?
la tua ricerca scolastica di agraria ci piacerebbe averla intera...se vuoi e se puoi beninteso ok capo Very Happy

******************************************************************************************************
     "La caccia è una forma secondaria di malattia mentale umana"                    

     (Theodor Heuss, Presidente della Repubblica Federale di Germania dal 1949 al 1959).
avatar
peppone
Admin
Admin

Messaggi : 13272
Data d'iscrizione : 01.10.08
Età : 47
Località : mah? chi lo sa? comunque...ORIGINARIO della bassa padana

http://lamotosega.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  cri393 il Lun Mag 09, 2011 7:25 pm

non mi sono spiegato bene scusa...è un pezzo nel senso che la parte che non c'è è relativa all'orto sinergico ed il nostro stend ad euroflora...non sarebbe centrato con il cinipide... Very Happy
avatar
cri393
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 1154
Data d'iscrizione : 10.08.10
Località : genova

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  peppone il Lun Mag 09, 2011 7:35 pm

quali sono gli indicatori da osservare per accorgerci della presenza di questo parassita?
e quali interventi, nel caso lo rilevassimo, si mostrano efficaci?

******************************************************************************************************
     "La caccia è una forma secondaria di malattia mentale umana"                    

     (Theodor Heuss, Presidente della Repubblica Federale di Germania dal 1949 al 1959).
avatar
peppone
Admin
Admin

Messaggi : 13272
Data d'iscrizione : 01.10.08
Età : 47
Località : mah? chi lo sa? comunque...ORIGINARIO della bassa padana

http://lamotosega.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  cri393 il Lun Mag 09, 2011 7:47 pm

un dato che ho dimenticato è che l'infestazione è stimata su 179.000 ettari di superfice...individuare la presenza del cinipide prima della deposizione delle uova e la formazione delle galle è impossibile date le dimensioni minuscole dell'insetto e la vastità dell'infestazione....anche mettendo delle trappole ormonali con la colla (tipo quelle gialle per la mosca dell'olivo) andrebbero posizionate su una superfice troppo amplia... Very Happy al momento sono state proposte delle strategie di lotta biologica con il Torymus sinensis un insetto parassitoide appartenente all'ordine degli imenotteri...l'unico dubbio è sulla possibilità di acclimatarsi di questo insetto visto che è originario della cina...ma come si è adattato il cinipide si spera ci riesca pure lui... Very Happy
avatar
cri393
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 1154
Data d'iscrizione : 10.08.10
Località : genova

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  Bali il Lun Mag 09, 2011 7:50 pm

Eh si anche qui da me questa malattia è molto diffusa, lo scorso anno erano colpiti i rami più bassi dei castagni, mentre quest'anno tutte le piante salvo qualche rara eccezione sono colpite fino alla cima, persino le madrine alte 20 cm hanno già questo parassita ma non sono al corrente su interventi per contrastarlo Evil or Very Mad

Bali
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 21
Data d'iscrizione : 08.05.11
Età : 31
Località : Appennino Ligure di Levante

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  belcanto il Lun Mag 09, 2011 7:53 pm

Buona sera,
proprio oggi ho notato queste strane escrescenze su giovani piante del castagneto e stavo cercando informazioni sul WEB.
Ho trvato questo:
http://www.vab.it/difesa_cinipide.pdf
Aperto il FORUM si parlava proprio di questo problema.
Non so se deprimermi o andare in bestia.

Belcanto
avatar
belcanto
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 920
Data d'iscrizione : 12.11.10
Età : 70
Località : 44°10'19N - 11°05'05E

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  cri393 il Lun Mag 09, 2011 7:54 pm

purtroppo di trattamenti chimici che si possono fare non ne sono al corrente...comunque irrorare una pianta di 5 o 6 metri mi sà che non sarebbe facile...l'unico modo è appunto la lotta con gli insetti pronubi che si possono anche comprare in internet... ok capo

belcanto ha scritto:Buona sera,
proprio oggi ho notato queste strane escrescenze su giovani piante del castagneto e stavo cercando informazioni sul WEB.
Ho trvato questo:
http://www.vab.it/difesa_cinipide.pdf
Aperto il FORUM si parlava proprio di questo problema.
Non so se deprimermi o andare in bestia.

Belcanto

nella pagina che ho postato ho preso molte delle informazioni che ho messo nella ricerca...il prof mi ha detto che ho fatto un buon lavoro quindi dovrebbe essere giusto ciò che c'è scritto... ok capo
avatar
cri393
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 1154
Data d'iscrizione : 10.08.10
Località : genova

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  AlessandroC il Lun Mag 09, 2011 9:09 pm


ultimamente anche qui dalle mie parti, vedi ultimo anno, abbiamo avuto la comparsa di sto insetto poco gradito, importato non si sa come...

di certo ha praticamente demolito la produzione di castagne...gli unici posti risparmiati al momento sono state le zone a più elevata altitudine, probabilmente non raggiunte...

il problema è stato affrontato più volte e fonti ufficiose mi dicono che sembra siano stati sparsi via aerea antiparassitari dedicati all'insetto...ma la cosa mi suona strana, anche se devo ammettere che per un periodo elicotteri in volo notturno a bassa quota gli ho visti...mah...

ho sentito anche della lotta con insetto antagonista...però il dubbio mi sorge spontaneo: siamo sicuri che non ci liberi dal cinipede ma poi si dia da fare per crearci altri problemi...

siamo più o meno famosi per questo in Italia...vedi ad esempio il gambero della louisiana o le nutrie....
avatar
AlessandroC
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 226
Data d'iscrizione : 09.01.11
Località : Valli del Natisone, Friuli

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  dautàrr il Lun Mag 09, 2011 9:25 pm

belcanto ha scritto:Buona sera,
proprio oggi ho notato queste strane escrescenze su giovani piante del castagneto e stavo cercando informazioni sul WEB.
Ho trvato questo:
http://www.vab.it/difesa_cinipide.pdf
Aperto il FORUM si parlava proprio di questo problema.
Non so se deprimermi o andare in bestia.

Belcanto

Mi dispiace dirtelo ma l'hanno scorso se ne vedeva qualcuna, diciamo 5-10%.
Quest'anno, medio appennino bolognese modenese, 100%. Non ho visto una foglia sana, e dopo un po ho smesso di guardare. Un danno incalcolabile. Speriamo nel normale riequilibrio della natura.
Se nell'economia dell'appennino si cominciava a tirare il fiato con il castagno, adesso siamo di nuovo alla frutta.
Non credo che i proprietari vorranno investire qualcosa per noi potatori....
............
Zao


Ultima modifica di peppone il Lun Mag 09, 2011 9:53 pm, modificato 1 volta (Motivazione : rimozione affermazioni di carattere politico. per di più assai gratuite e qualunquiste....)
avatar
dautàrr
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 516
Data d'iscrizione : 06.02.10
Età : 50
Località : Bologna appennino

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  cri393 il Lun Mag 09, 2011 9:42 pm

da me parlare del 100% è azzardato ma anche da noi non scherza...quando vado a fare enduro (ancora sabato scorso) mi faccio un paio di kilometri di castagneto e da apassionato mi fermo a vedere com'è la situazione e negli ultimi 2 anni la situazione è degenerata!! bonk!bonk!
avatar
cri393
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 1154
Data d'iscrizione : 10.08.10
Località : genova

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  ferrari-tractor il Mar Mag 10, 2011 5:53 am

Qui da me TUTTE e dico proprio tutte le piante ne sono infestate.
Le galle rimangono appese ai rami in pratica in eterno perchè seccano lì dopo lo sfarfallamento che avviene a giugno, e sono ottimi vettori per il cancro della corteccia.

L'effetto è una forte sofferenza del castagno, le punte dei rami della chioma seccano stimolando il getto di succhioni da tronco e rami principali, l'anno dopo anche i succhioni sono coperti di galle...
Produzione di castagne? quando va bene un 10% del normale

Dopo circa 7 anni di infestazione, se si guardano i boschi si vedono estese macchie grigie... sono le punte secche dei castagni.

Per la lotta... non ci sono molte speranze.
Sulle piante innestate gli scorsi anni sto dando un insetticida sistemico, questo più per poter avere del materiale sano da poter propagare.
Quest'anno ho innestato un bel po', ma le marze che ho usato erano infette (prelevate chiaramente dai miei boschi), quindi quando la gemma innestata comincia ad aprirsi appare la galla che ne consuma le risorse e l'innesto fallisce.
Ne riparliamo tra un po' con quelli a gemma vegetante.

Anche il vivaio regionale Gambarello a Chiusa di Pesio ha smesso di fornire al pubblico piante di castagno innestate (marrone di Chiusa di Pesio).
Le loro piante vengono difese con un mix di argilla e poltiglia bordolese applicato con un soffiatore ogni settimana o giù di li.
avatar
ferrari-tractor
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 8340
Data d'iscrizione : 19.04.10
Età : 36
Località : Prov. Cuneo

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  giemme il Mar Mag 10, 2011 7:59 am

Nelle mie zone (appenino ligure - Valle Scrivia) l'infestazione è praticamente al 100% delle piante. L'insetto si è manifestato circa due anni fa. Parlando con l'istituto fitoterapico regionale mi dicevano che l'unica via possibile per combatterlo è quello di inserire un insetto antagonista; l'irrorazione con prodotti è praticamente impossibile. Nell'ultimo anno la produzione di castagne si è praticamente annulata !!!!! Crying or Very sad Crying or Very sad

giemme
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 16
Data d'iscrizione : 06.09.10

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  gian66 il Mar Mag 10, 2011 9:02 am

ferrari-tractor ha scritto:Qui da me TUTTE e dico proprio tutte le piante ne sono infestate.
Le galle rimangono appese ai rami in pratica in eterno perchè seccano lì dopo lo sfarfallamento che avviene a giugno, e sono ottimi vettori per il cancro della corteccia.

L'effetto è una forte sofferenza del castagno, le punte dei rami della chioma seccano stimolando il getto di succhioni da tronco e rami principali, l'anno dopo anche i succhioni sono coperti di galle...
Produzione di castagne? quando va bene un 10% del normale

Dopo circa 7 anni di infestazione, se si guardano i boschi si vedono estese macchie grigie... sono le punte secche dei castagni.

Per la lotta... non ci sono molte speranze.
Sulle piante innestate gli scorsi anni sto dando un insetticida sistemico, questo più per poter avere del materiale sano da poter propagare.
Quest'anno ho innestato un bel po', ma le marze che ho usato erano infette (prelevate chiaramente dai miei boschi), quindi quando la gemma innestata comincia ad aprirsi appare la galla che ne consuma le risorse e l'innesto fallisce.
Ne riparliamo tra un po' con quelli a gemma vegetante.

Anche il vivaio regionale Gambarello a Chiusa di Pesio ha smesso di fornire al pubblico piante di castagno innestate (marrone di Chiusa di Pesio).
Le loro piante vengono difese con un mix di argilla e poltiglia bordolese applicato con un soffiatore ogni settimana o giù di li.

pultroppo, ripeto, pultroppo...... confermo quanto dici, è un vero macello per i castagni.
alcuni dicono, che il tutto è iniziato quando abbiamo importato i castagni giapponesi,...si diceva che... producono castagne più grandi, piu belle, ect....mah..con questi è arrivata anche la cinipide.
sarà vero...
adesso che si fa??
avatar
gian66
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 3872
Data d'iscrizione : 28.03.11
Età : 50
Località : Prov. di Cuneo

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  s_riki il Mar Mag 10, 2011 8:43 pm

qui sopra varese è pieno, speravo non si fosse propagato anche in un paio di lotti che avevamo diradato ma niente.
Direi che, almeno per la zona del luinese siamo vicini ad un 80%

s_riki
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 113
Data d'iscrizione : 19.10.08
Età : 41
Località : Vares

http://www.aforsativa.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  ferrari-tractor il Mer Mag 11, 2011 7:18 pm

gian66 ha scritto:
alcuni dicono, che il tutto è iniziato quando abbiamo importato i castagni giapponesi,...si diceva che... producono castagne più grandi, piu belle, ect....mah..con questi è arrivata anche la cinipide.
sarà vero...
adesso che si fa??
No, non è vero perchè gli ibridi eurogiapponesi ci sono da 30 anni e gli insetti da 6/7.

Adesso si fa che ce li teniamo... alcune piante sono meno sensibili di altre, una manutenzione come si deve della chioma e un po' di concime possono aiutare a salvare qualche pianta di valore.
Nel giro di qualche generazione probabilmente subentrerà una certa resistenza.

Poi, dovremmo tutti riflettere che se questa cosa fosse capitata un secolo fa, ci sarebbero state molte persone morte per fame.
avatar
ferrari-tractor
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 8340
Data d'iscrizione : 19.04.10
Età : 36
Località : Prov. Cuneo

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  cri393 il Mer Mag 11, 2011 7:50 pm

qualche secolo fà c'era molto più rispetto per la terra e le piante native di quelle zone e ''preparate'' alle avversità del luogo...ora si pensa solo a produrre produrre e produrre ancora.... grrr
avatar
cri393
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 1154
Data d'iscrizione : 10.08.10
Località : genova

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  peppone il Mer Mag 11, 2011 8:06 pm

perdonatemi se intevengo...
ma il fatto che il parassita sia arrivato solo recentemente non credo che possa escludere che esso sia comunque stato propagato da varietà non autoctone.
mi spiego meglio con un esempio che so bene essere OT.
il geranio coltivato (pelargonium) esiste in europa dall'inizio dell'800.
il geranio è una pianta africana.
il suo naturale parassita devastatore, la cacyreus marshalli, ci ha messo quasi due secoli a raggiungerlo in europa dato che è da una decina di anni che appesta le floricolture di pelargonii.

******************************************************************************************************
     "La caccia è una forma secondaria di malattia mentale umana"                    

     (Theodor Heuss, Presidente della Repubblica Federale di Germania dal 1949 al 1959).
avatar
peppone
Admin
Admin

Messaggi : 13272
Data d'iscrizione : 01.10.08
Età : 47
Località : mah? chi lo sa? comunque...ORIGINARIO della bassa padana

http://lamotosega.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  ferrari-tractor il Gio Mag 12, 2011 9:04 pm

peppone ha scritto:perdonatemi se intevengo...
ma il fatto che il parassita sia arrivato solo recentemente non credo che possa escludere che esso sia comunque stato propagato da varietà non autoctone.
Hai perfettamente ragione, per quanto ne so è proprio così, è un parassita importato.
Appena riesco, mi informo bene presso la forestale sui primissimi focolari trovati in Italia.
avatar
ferrari-tractor
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 8340
Data d'iscrizione : 19.04.10
Età : 36
Località : Prov. Cuneo

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  cri393 il Gio Mag 12, 2011 9:07 pm

i primi focolari sono stati trovati a cuneo...il cinipide è arrivato dall'oriente...ma non solo attraverso alberi importati ma tramite qualunque possibile mezzo di trasporto utile per quel piccolo insetti...dicono che in italia si sia espanso attaccato ai camion... ?????
avatar
cri393
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 1154
Data d'iscrizione : 10.08.10
Località : genova

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  gian66 il Ven Mag 13, 2011 6:41 am

cri393 ha scritto:i primi focolari sono stati trovati a cuneo...il cinipide è arrivato dall'oriente...ma non solo attraverso alberi importati ma tramite qualunque possibile mezzo di trasporto utile per quel piccolo insetti...dicono che in italia si sia espanso attaccato ai camion... ?????

maa.. allora se ho capito bene la storia dei castani giapponesi è vera?? o no?
quella dei camion con la cinipide non la sapevo
ora ..quali rimedi sono più efficaci?
avatar
gian66
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 3872
Data d'iscrizione : 28.03.11
Età : 50
Località : Prov. di Cuneo

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  domybsl il Sab Mag 14, 2011 6:23 pm

L'unico rimedio che sembra funzioni, consiste nell'inserimento nell'ambiente di un parassitoide del Cinipide, il torymus, che però è abbastanza costoso ed il cui sviluppo è abbastanza lento; per popolare un bosco partendo da un centinaio di coppie ci vogliono circa 3-5 anni. All'incirca gli stessi tempi che sono serviti al Cinipide per infestarli.
La regione Lazio, in collaborazione con l'Università della Tuscia, sta costruendo un centro di produzione e moltiplicazione allestito a Caprarola, che dovrebbe riuscire a produrre circa 1000 coppie, nell'arco dei prossimi due anni da lanciare in tutti i castagneti del Lazio.
Però i tempi sono quelli che sono.
Piuttosto in rete si dice che il problema in Piemonte, sia in corso di risoluzione, e la presenza del parassita è stata ridotta a livelli fisiologici o comunque accettabili.
Vi risulta ?

domybsl
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 69
Data d'iscrizione : 01.01.11
Età : 61
Località : 50 km Nord Roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  ferrari-tractor il Sab Mag 14, 2011 7:18 pm

domybsl ha scritto:
Piuttosto in rete si dice che il problema in Piemonte, sia in corso di risoluzione, e la presenza del parassita è stata ridotta a livelli fisiologici o comunque accettabili.
Vi risulta ?
A me non pare proprio, ma mi auguro che si avveri in breve tempo.
avatar
ferrari-tractor
Moderatori
Moderatori

Messaggi : 8340
Data d'iscrizione : 19.04.10
Età : 36
Località : Prov. Cuneo

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  belcanto il Sab Mag 14, 2011 10:01 pm

Salve,
qualcuno sa se è vero che il cinipide è meno invasivo per i castagneti situati sopra i

500/600 metri di altitudine,come accade per altri parassiti? compliments!

Belcanto
avatar
belcanto
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 920
Data d'iscrizione : 12.11.10
Età : 70
Località : 44°10'19N - 11°05'05E

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  domybsl il Dom Mag 15, 2011 9:38 am

http://www.cmalpidelmare.org/Canali_Tematici/pdf/comunicato_stampa_cinipide.pdf

belcanto ha scritto:Salve,
qualcuno sa se è vero che il cinipide è meno invasivo per i castagneti situati sopra i

500/600 metri di altitudine,come accade per altri parassiti? compliments!

Belcanto
Non lo so, ma non credo, anche perchè ha cominciato a diffondersi dal Piemonte che è una delle regioni più fredde d'Italia.
Poi il meccanismo di riproduzione è il seguente:
sfarfalla a giugno, gli adulti inoculano le gemme a settembre e poi le galle spuntano in primavera al riprendere dell'attività vegetativa degli alberi di castagno, quindi nei mesi invernali si ibernano assieme alla pianta. Crying or Very sad


Ultima modifica di peppone il Dom Mag 15, 2011 10:07 am, modificato 1 volta (Motivazione : unione di due post consecutivi)

domybsl
utente registrato
utente registrato

Messaggi : 69
Data d'iscrizione : 01.01.11
Età : 61
Località : 50 km Nord Roma

Tornare in alto Andare in basso

Re: cinipide galligeno del castagno

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 7 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum