Argomenti simili
Accedi

Recuperare la parola d'ordine

IL NOSTRO FORUM
questo è l'unico forum in lingua italiana esclusivamente dedicato al mondo delle motoseghe, dei decespugliatori, dei vari attrezzi da taglio e delle altre attrezzature di piccole e medie dimensioni da lavoro agriboschivo. in 14 sezioni per un totale di oltre 230 sottosezioni viene trattato qualsiasi aspetto delle motoseghe, delle altre macchine da lavoro e del loro impiego: dall'officina alla manutenzione, dagli esplosi alle indicazioni sugli acquisti, dalle gamme complete dei produttori alle modalità di utilizzo. si affrontano inoltre svariati argomenti correlati quali i legnami, il lavoro in sicurezza, il giardinaggio e la meteorologia.
read the forum in other languages

MAIL DELL’ AMMINISTRATORE
per problemi di connessione, perdita password, lamentele, idee, collaborazioni, invio di materiale in pdf e altre necessità lamotosega@yahoo.it
MAIL DELLO STAFF MODERATORI
per invio foto o altre richieste staff.lamotosega@yahoo.it (la posta in arrivo verrà evasa solo agli iscritti che si qualificano con nickname del forum)
Ultimi argomenti
» quanta legna posso ricavare per ettaro ?
Da penacchiese Oggi a 12:05 pm

» Kawasaki tj 53e a zaino?
Da riccardo Oggi a 11:59 am

» Perdita serbatoio tanaka ecs 320
Da Kromer Oggi a 11:49 am

» TELEFERICHE E VERRICELLI PER ESBOSCO E TRASPORTO MATERIALE
Da Dan56k Oggi a 11:39 am

» che musica stiamo ascoltando
Da Ghepardo Oggi a 11:38 am

» Regolazione pompa olio oleomac 251
Da mimmotrapa Oggi a 11:30 am

» spaccalegna autocostruito
Da frabonovox Oggi a 11:21 am

» acquisto husqvarna 357xp o jonsered cs 2260
Da andrea abruzzo Oggi a 10:18 am

» Avviamento jonsered 2153
Da andrea abruzzo Oggi a 10:14 am

» problema pompa olio
Da Stepmeister Oggi a 9:23 am

» vendo legno di bosso
Da Stepmeister Oggi a 9:21 am

» Rimontaggio frizione oleomac gs260
Da Stepmeister Oggi a 9:20 am

» cavolo nero e parassiti
Da emilio79 Oggi a 7:37 am

» Previsioni per Venerdì 28 Novembre 2014
Da davide depaoli Oggi a 6:32 am

» MOTOSEGHE PROFESSIONALI parte 2
Da Albè Oggi a 12:32 am

» ASCE - ACCETTE parte 3
Da worior Ieri a 11:58 pm

» OLIVO
Da Nonno_sprint Ieri a 11:13 pm

» Manuale operatore mcculloch pm 480
Da Nonno_sprint Ieri a 10:50 pm

» Jonsered e Husqvarna sorelle o lontane parenti?
Da mesodcaburei Ieri a 9:50 pm

» consiglio x motosega dolmar.
Da beppe65 Ieri a 9:37 pm

» Problema spaccalegna che "grida"
Da cpstihl Ieri a 9:01 pm

» Motosega Farm vecchia senza freno
Da pilino Ieri a 8:14 pm

» ATTENZIONE LEGGETE TUTTI E FATE GIRARE LA VOCE. nuovo prodotto: la frode. parte 2
Da azzalini69 Ieri a 7:08 pm

» Aiuto per motosega Oleo-Mac 951....
Da Kromer Ieri a 4:29 pm

» Mitsubishi Tl43
Da baboone Ieri a 2:34 pm

» POMODORO
Da emilio79 Ieri a 12:22 pm

» Problema su Stihl MS192T
Da iury1977 Ieri a 12:12 pm

» Dolmar PS420SC o shindawa 452s?
Da riccardo Ieri a 11:41 am

» albero motore oleomac 935 df
Da forno luciano Ieri a 10:15 am

» MOTOCOLTIVATORI
Da riccardo Ieri a 8:53 am

» Previsioni per Giovedì 27 Novembre 2014
Da davide depaoli Ieri a 6:37 am

» MOTOZAPPE
Da Peppe76 Mar Nov 25, 2014 8:35 pm

» Manutenzione olemac 240, pompa e guarnizioni.
Da Leo91 Mar Nov 25, 2014 7:09 pm

» OLIO MISCELA: TIPI - QUALITA' - DOSI parte 2
Da riccardo Mar Nov 25, 2014 6:59 pm

» vendo motosega oleomac 261 g super !!
Da resergio Mar Nov 25, 2014 6:09 pm

» oleomac gs 370
Da cariol Mar Nov 25, 2014 5:46 pm

» foto dei posti in cui viviamo
Da resergio Mar Nov 25, 2014 5:12 pm

» Regolazione carburazione blitz b 45
Da nitro52 Mar Nov 25, 2014 4:01 pm

» Una mangiata per "le camice a quadrettoni"
Da iury1977 Mar Nov 25, 2014 3:06 pm

» MOTOSEGHE DA POTATURA PARTE 2
Da ferrari-tractor Mar Nov 25, 2014 2:51 pm

Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Statistiche
Abbiamo 12131 membri registrati
L'ultimo utente registrato è MIXTO

I nostri membri hanno inviato un totale di 149431 messaggi in 8079 argomenti
Chi è in linea
In totale ci sono 151 utenti in linea :: 13 Registrati, 1 Nascosto e 137 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Anto86, emilio79, fubiano, Ghepardo, Leos86, Luca31, miki1, mimmo027, orsomaki, penacchiese, Poseidon X6, superclod, xp

Il numero massimo degli utenti in linea è stato 324 il Mer Apr 09, 2014 10:05 pm
Sondaggio

La Migliore Motosega Professionale da 50cc

26% 26% [ 69 ]
38% 38% [ 101 ]
14% 14% [ 38 ]
3% 3% [ 9 ]
4% 4% [ 10 ]
5% 5% [ 13 ]
1% 1% [ 4 ]
9% 9% [ 23 ]
1% 1% [ 2 ]

Totale dei voti : 269


cosa fare e cosa non fare se dei gatti randagi o di altri circolano in giardino

Pagina 1 su2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

cosa fare e cosa non fare se dei gatti randagi o di altri circolano in giardino

Messaggio  elena il Mer Mag 02, 2012 2:00 am

.

In quest'ultimo periodo sul sito di giardinaggio che frequento leggo sempre più spesso dei thread aperti da persone che trovano problematica la presenza di gatti nel proprio giardino, così ne ho aperto uno con alcuni suggerimenti per affrontare la situazione con calma e buon senso, ricordando che anche quelli randagi sono tutelati dalla legge contro il maltrattamento (sono infatti legalmente di proprietà del Sindaco locale). Ho pensato di duplicarlo qui per quanti potessero essere interessati:

____________________________________________



Deterrenti


L'EPA ha listato nel suo archivio oltre 30 sostanze chimiche non nocive che possono essere utilizzate come repellenti per gatti. Li potete facilmente trovare in commercio nei negozi di articoli per animali e/o giardinaggio.

Benché letali se ingerite o leccate, le palline antitarme di naftalina o canfora hanno un odore piuttosto repulsivo per i gatti: per cui se poste entro contenitori RIGIDI traforati e CHIUSI ERMETICAMENTE [ad es. una lattina bucherellata e chiusa nella parte superiore con nastro adesivo], possono venire appese nei punti opportuni, facendo attenzione che in nessun modo il gatto possa entrarvi in contatto diretto.

I risultati ottenuti con i repellenti profumati alla citronella o simili, sono in gran parte contraddittori, perché l'efficacia del prodotto è spesso messa a dura prova dagli agenti atmosferici, come umidità e/o il passare delle ore. E' quindi necessario riapplicare costantemente la soluzione, specialmente in caso di pioggia, nebbia o innaffiature. Controllate che i suoi composti chimici non possano essere dannosi per le piante che crescono in quell'area, specialmente se utilizzate fertilizzanti o altri additivi.


NON PENSATE NEMMENO DI UTILIZZARE RODENTICIDI,
LUMACHICIDI O ALTRI VELENI!


Avvelenare gli animali è un REATO punibile penalmente.
Cercare di eliminare il problema in questo modo è illegale, oltreché vile.
E nemmeno efficiente: parlando in soli termini pratici, il veleno può liberarvi dalla seccatura presente ma non evitarvi quella futura... Inoltre, non avete la minima possibilità di controllo su CHI potrebbe ingerire la sostanza letale. Vi sono altri sistemi di gran lunga più efficaci senza ricorrere all'inumana via dell'avvelenamento!

Per le aree terrose o sabbiose dove i gatti amano scavare, soprattutto se la terra è stata aerata di recente, pesanti ciottoli ornamentali possono essere la soluzione giusta e costituire un deterrente efficace, duraturo e piacevole a vedersi. Meglio evitare però le pietre troppo levigate (che riscaldate dal sole costituiscono un ottimo posto per pisolare!) e i materiali leggeri (tipo argilla espansa).

Si possono utilizzare con successo anche dei vecchi cocci di vaso di terracotta, da soli o mischiati a ghiaia.

I materiali scelti devono essere per loro in qualche spiacevoli (NON tali da ferirli però) sia da spostare che da camminarci sopra.

In alcuni casi, è possibile proteggere la zona con una retina metallica o di plastica, stesa sotto un sottile strato di terra.



Dispositivi di dissuasione

Perché un gatto prenda ad evitare un'area nella quale prima era solito andare, è necessario che l'area stessa perda attrattiva o venga percepita come "poco sicura", indipendentemente dalla vostra presenza o meno. La dissuasione più duratura avviene se il gatto l'associa con una situazione o un'occorrenza per lui spiacevole o disturbante... NON deve invece associarlo con la semplice presenza umana, perché in tal caso aspetterà semplicemente l'occasione più propizia.

Semplici dispositivi "di sorpresa" possono essere disposti sulla superficie interessata o in stretta prossimità della stessa, in modo da sorprenderlo quando si avvicinerà a quell'area.
E' necessario avere un po' di pazienza e sperimentare quale dispositivo possa essere più funzionale alle vostre peculiari necessità. Ma il principio rimane immutato...

Ecco alcuni esempi:

Suoni improvvisi - I gatti hanno un'incredibile memoria per le esperienze percepite come negative o spiacevoli -anche se queste sono in realtà del tutto innocue o non pericolose- ed eviteranno posti e situazioni che siano in qualche modo ad esse collegati. Preparate diversi vassoi di metallo, tipo coperchi di latta, contenitori da forno in alluminio etc, e disseminateci del materiale "fragoroso" (ad es. fagioli secchi o pasta industriale). Bilanciatene alcuni lungo i percorsi solitamente utilizzati dal gatto (ad es. staccionate, ringhiere, davanzali...) o sul bordo del cofano di ogni veicolo su cui sia solito saltare. Se bilanciato correttamente, il vassoio consentirà l'appoggio agli uccelli di piccola stazza, ma il peso del gatto sicuramente lo rovescerà con un gran frastuono: il rumore e la sensazione di instabilità provata scoraggeranno il gatto dal ritornarci, mentre la caduta non avrà alcuna conseguenza. Può essere necessario avere un po' di consistenza nell'uso di questo deterrente, perché il gatto può imparare semplicemente a "saltare" l'ostacolo, per cui è necessario cambiarne spesso la disposizione...

Superfici scomode - Per scoraggiare un gatto dal saltare o soggiornare sopra superfici piatte (ad es. cofani, verande, tettoie, etc), procuratevi un telone di plastica largo più o meno quanto la superficie ed incollateci a griglia del nastro biadesivo (che non sia super-incollante!). Assicurate il telone sulla superficie con oggetti pesanti che lo tengano in posizione, ma non gli impediscano di scivolare se tirato con sufficiente forza. Quando il gatto ci salterà su, il nastro appiccicoso sotto le zampe e lo scivolio della plastica lo indurranno presto a non provarci più...

Getti d'acqua - Questo metodo funziona specialmente bene per proteggere le aree di sosta per gli uccelli poste al livello del suolo, o quelle aree prescelte dal gatto come inappropriata "toilette". Quando la temperatura lo permette [NON fatelo quanto il tempo è rigido!] regolate il getto delle boccucce d'irrigazione perché entrino in funzione ad intervalli prestabiliti durante le ore generalmente utilizzate dal gatto per cacciare (di notte o alle prime luci dell'alba, generalmente), o spruzzate direttamente col getto della pompa il gatto quando si avvicina, avendo cura che non sia forte tanto da recargli danno, per lui sarà sufficiente bagnarsi [MAI utilizzare le idropulitrici!!]. Un temporizzatore programmabile può servire a scoraggiare quei gatti che avessero semplicemente preso a "frequentare" il giardino in orari in cui la pompa non è solitamente in funzione... L'acqua fornisce un materiale alternativo anche per i "vassoi traballanti" visti in precedenza, in modo che oltre al rumore e alla caduta l'inopportuno ospite si becchi una piccola doccia fuori programma [NON fatelo quanto il tempo è rigido!].

Ostacoli fisici - Se amate gli uccellini, e l'alimentatore con il miglio o la casetta per il nido sono fissati in verticale su un muro o una colonna, inchiodate una protezione di metallo zincato -a foggia di cono rovesciato- per proteggere l'intera piattaforma.


Di chi è il problema?

Se questi rimedi non dovessero funzionare, tenete presente che il gatto può essere sia selvatico (solo in alcune zone rurali), sia un randagio reinselvatichito, sia un gatto domestico abbandonato o perdutosi. Può infine essere un gatto di proprietà lasciato libero di girovagare senza collarino d'identificazione...

Se il gatto è di proprietà di qualcuno: Se il gatto è di proprietà di qualche vicino, il vostro problema è a metà risolto, perché è di SUA responsabilità far sì che l'animale non possa causare danni alla proprietà altrui...
Non precipitatevi però a litigare con il vostro vicino: non è mai facile discutere diplomaticamente di argomenti spiacevoli senza scadere in reciproche accuse... Il vostro obiettivo è ottenere la loro collaborazione nel risolvere il problema ed è quindi su questo dovreste concentrarvi: vedersi accusare di irresponsabilità li metterà solo sulla difensiva senza che si arrivi realmente ad una volontà di cooperazione.
Cercate perciò di introdurre l'argomento prendendo spunto da considerazioni concernenti la sicurezza del gatto e tutte le possibili situazioni di pericolo (traffico, antiparassitari, cani da guardia...) cui va incontro durante i vagabondaggi.
Cercate di ricordare che anche se per voi è una tremenda seccatura, per il vostro vicino è pur sempre il gatto di casa: se è un proprietario affezionato, affrontando la questione da questo punto di vista vi sarà più facile instaurare una linea di dialogo produttiva... Potreste sorprendervi a notare che è un aspetto del problema al quale il vostro vicino non aveva mai nemmeno lontanamente pensato!
I gatti mantenuti entri i confini della proprietà (o quelli che escono strettamente controllati...) sono maggiormente protetti dagli innumerevoli pericoli che malattie, parassiti, bocconi avvelenati, traffico, scontri con gatti errabondi e .....intolleranza umana possono comportare. Ogni proprietario responsabile dovrebbe considerare attentamente la tipologia della propria abitazione prima di esporre il proprio gatto ai pericoli del mondo d'oggi!


Se il gatto non è di proprietà di nessuno: Se non è possibile risalire al proprietario del gatto, o è un gatto completamente randagio, il problema è momentaneamente tutto nelle vostre mani: dato che è molto difficile di primo acchito determinare se un gatto randagio sia appartenuto a qualcuno e/o sia socializzato con gli esseri umani, usate sempre molta prudenza e nel dubbio NON avvicinatevi. Assumendo che non sia stato possibile scoraggiare il gatto con i consigli dati precedentemente e che il gatto risulti impossibile da avvicinare e/o maneggiare, non resta che pensare all'utilizzo di un dispositivo per catturarlo... Nel qual caso però vi consigliamo di rivolgervi a enti di protezione animali, quali l'ENPA o la LAV, di modo che possano prendersene cura (se necessario, verrà anche sterilizzato).

Cercate i recapiti relativi alla vostra zona qui (o chiamate la sede centrale per farvi dare ulteriori indicazioni):

ENPA => http://www.enpa.it/it/le_sedi2/index.asp

LAV => http://www.lav.it/index.php?id=103


Perché ce l'hanno con me?

Non si deve pensare che i gatti danneggino le proprietà per cattiveria!
In questo tipo di situazioni stanno solo comportandosi nella maniera assolutamente più corretta e naturale per loro ...semplicemente lo stanno facendo nel posto purtroppo meno appropriato per noi!

La strategia consiste quindi nel rendere questo posto il più sgradevole e inattraente possibile, cosicché imparino ad evitarlo e dirigano altrove la loro attenzione...

Cos'è dunque che un gatto può trovare attraente nel vostro giardino?


Le prede:
Nessun gatto resiste al "brivido della caccia": ma a meno che non siano veramente affamati, molti non mangiano nemmeno le prede catturate. I piccoli felini hanno agito da predatori naturali degli uccelli per migliaia di anni: il comportamento è ormai geneticamente acquisito e non esistono condizionamenti affidabili per soffocare questo istinto naturale. Dal canto loro, gli uccelli hanno da migliaia d'anni sviluppato delle tecniche di sopravvivenza piuttosto efficaci, per cui non è facile né frequente che un gatto riesca a catturare un uccello adulto in perfetta salute.


La toilette:
Un altro istinto profondamente radicato nel comportamento del gatto è quello di cercare un'area adatta allo scopo e poter poi coprire i rifiuti in modo da occultarne l'odore e, di conseguenza, la propria presenza. Per questa ragione, ad un gatto che trascorre molto tempo all'aperto il soffice terriccio delle vostre aiuole o la sabbietta fine della buca dei bambini appaiono come una toilette ideale.


Il sonno:
Quando un gatto sonnecchia sopra il cofano della vostra macchina o disteso sopra un'aiuola soleggiata, dal suo punto di vista ha appena trovato un posto meravigliosamente tiepido per schiacciare un pisolino. Il gatto non arriva a capire la portata del danno che può causare, e nemmeno può associare la vostra reazione [strillare, tirargli addosso delle cose...] con il posto scelto per dormire. Certo, imparerà presto ad evitare voi e la vostra voce, ma non ad evitare il posto che voi vorreste salvaguardare... Non eliminerà cioè il comportamento che in primo luogo causa il danno, probabilmente solo l'orario di visita.


Il territorio:
Un gatto errabondo può avvicinarsi alla vostra casa tanto da mettere in agitazione i vostri animali che l'osservano dalle finestre. Talvolta essi si sentono sfidati territorialmente dal nuovo intruso e si esibiscono in chiassosi atteggiamenti di rivendicazione, con tanto di gnauli minacciosi o abbaiare furiosi... Eppure, accecato dal riflesso della finestra o dall'angolo di rifrazione del vetro, il gatto vagabondo può non essersi nemmeno accorto della presenza di altri animali nell'avvicinarsi alla casa ed essere del tutto ignaro dell'agitazione che sta causando... Il modo migliore per tranquillizzare momentaneamente i vostri animali ed evitargli ulteriore stress è di nascondere loro la vista dell'estraneo.

Naturalmente, la soluzione ideale sarebbe che ogni proprietario responsabile tenesse i propri animali nei confini della proprietà, senza permettergli l'esplorazione di un mondo esterno sovente pieno di pericoli... Ma sfortunatamente questa risoluzione giunge in ritardo, se proprio adesso vi trovate ad affrontare il problema di un gatto errabondo sulla vostra proprietà...

Esistono tuttavia moltissimi sistemi cui affidarsi senza che venga fatto alcun male al gatto, né che gli uccelli, il giardino o voi stessi ne dobbiate risentire.

Dato che ogni situazione è diversa dall'altra, vi preghiamo di ricorrere a tutta la vostra pazienza ed ingegnosità per riuscire ad individuare il deterrente più appropriato al vostro caso attraverso tentativi ed errori. Come visto in precedenza, repellenti e dispositivi (casalinghi e a costo zero) progettati per cogliere l'animale "sul fatto" agiscono tutti sul principio di "condizionare" l'animale ad evitare il ripetersi di un'esperienza negativa collegata a quella data area...


PER FAVORE:

NON fate del male al gatto né catturatelo magari per scaricarlo lontano dalla vostra proprietà!


Questo errore non farà altro che inasprire il problema della sovrappopolazione felina, rendendo il vostro problema presente verosimilmente infinito! In Italia, le Associazioni di Volontariato e il Servizio Veterinario della ASL possono ragguagliarvi sulle procedure necessarie per far sterilizzare il gatto GRATUITAMENTE presso i loro ambulatori. NON fate però catturare e sterilizzare un gatto di ALTRUI proprietà!


(fonte principale: http://www.inseparabile.com/gatti/nuova_pagina_5.htm)

.

elena
utente registrato
utente registrato

Messaggi: 177
Data d'iscrizione: 09.07.11

Tornare in alto Andare in basso

Re: cosa fare e cosa non fare se dei gatti randagi o di altri circolano in giardino

Messaggio  Checus il Mer Mag 02, 2012 10:44 am

Ragazzi ho sempre avuto un gatto prima di convolare a nozze e fare il papà. Ora per ovvie ragioni non ne ho.
E vi dirò che in giardino quelli di "nessuno" (si fa per dire ho una vicina che da da mangiare ai randagi e li raccoglie intorno casa in conseguenza), sono molesti marcano il territorio, sporcano, danno fastidio alla mia taratruga terrestre che regolarmente si chiude nel suo guscio, e chi più ne ha ne metta.
Legalmente ne risponde il proprietario (che nega la proprietà) altrimenti si dovrebbe chiedere all'ASP ma figurati non prendono i cani randagi che da noi vanno in branco e son pericolosi......
Ovvio bisogna studiare qualcosa che non sia però violento contro gli animaletti ....

Checus
utente registrato
utente registrato

Messaggi: 307
Data d'iscrizione: 17.01.10
Età: 47
Località: Petrizzi (CZ)

Tornare in alto Andare in basso

re cosa fare e cosa non fare se dei gatti randagi o di altri circolano in giardino

Messaggio  baloo il Mer Mag 02, 2012 11:00 am

da me è usanza mettere bottiglie di plastica piene d'acqua nei punti di accesso e dove non si vuole che vadano i randagi.. il riflesso prodotto li disturba.... con alcunii gatti funziona.. con quelli più intraprendenti meno....
oppure anche il pepe nero sparso in giro in mucchietti... è meno pericoloso e nocivo della naftalina...

baloo
utente registrato
utente registrato

Messaggi: 236
Data d'iscrizione: 29.01.12
Località: Dalla ridente Umbria Trapiantato a nella Pianura Padana:-(

Tornare in alto Andare in basso

Re: cosa fare e cosa non fare se dei gatti randagi o di altri circolano in giardino

Messaggio  Templeton il Mer Mag 02, 2012 11:07 am

fatevi un bel cane.. Laughing

Templeton
UTENTE BANNATO

Messaggi: 208
Data d'iscrizione: 13.04.12
Località: Teramo

Tornare in alto Andare in basso

Re: cosa fare e cosa non fare se dei gatti randagi o di altri circolano in giardino

Messaggio  ferrari-tractor il Mer Mag 02, 2012 11:17 am

Lo zolfo in polvere (quello per la vigna) funziona come dissuasore per cani, però bisogna metterlo sul muro o comunque dove il cane fa pipì.
Forse funziona anche con i gatti...

ferrari-tractor
Moderatori
Moderatori

Messaggi: 4264
Data d'iscrizione: 19.04.10
Età: 33
Località: Prov. Cuneo

Tornare in alto Andare in basso

Re: cosa fare e cosa non fare se dei gatti randagi o di altri circolano in giardino

Messaggio  Cerrini il Mer Mag 02, 2012 11:45 am

Salve, io non ho gatti e non sono un loro fan, però li rispetto. Nel mio orto e giardino vengono regolarmente i gatti dei vicini. Io non li scaccio, anzi; ho natota che da quando ci sono i gatti sono spariti le talpe, i topi, i serpenti e le vipere. Saluti.

Cerrini
utente registrato
utente registrato

Messaggi: 43
Data d'iscrizione: 23.09.11
Età: 45
Località: Firenze

Tornare in alto Andare in basso

Re: cosa fare e cosa non fare se dei gatti randagi o di altri circolano in giardino

Messaggio  peppone il Mer Mag 02, 2012 5:51 pm

Templeton ha scritto:fatevi un bel cane.. Laughing
mica sempre funziona.

o, meglio, se funziona fai una strage di gatti.

alcuni anni fa avevo un vicino (il quale poi è mancato e ho comprato io la sua casetta dagli eredi) il quale era un gattaro: dava da mangiare a tutti i randagi lì a casa sua, a pochi metri dalla mia.

bene: i "suoi" gatti, nonostante vedessero di là dalla rete i miei 6 cani (e che cani: pitbull, rotweiller, alano, etc) facevano ugualmente gli smargiassi ed entravano con l'unico risultato di farsi puntualmente e regolarmente sbranare. ne avrò seppelliti una quindicina.

quello che mi ha colpito è ciò che mi raccontò una mia fidanzata dell'epoca la quale ebbe occasione di assistere ad alcune di queste carneficine in mia assenza (se ci sono io basta un mio schiocco di dita e i cani si fermano): il gatto entrava, i cani lo vedevano, lui vedeva che loro lo vedevano, i cani (tutti e sei con un peso medio di 65/70 chili l'uno) caricavano partendo da lontano e...
il gatto...????
che faceva il gatto????
se la dava a gambe levate?
spiccava un balzo per raggiungere un albero?
macchè...
rimaneva immobile, gonfiava il pelo e soffiava.

con l'unico risultato di venire sbranato all'istante.

non ho mai capito il motivo di questo comportamento (scarsamente autoconservativo) di quei felini.

******************************************************************************************************
     "La caccia è una forma secondaria di malattia mentale umana"                    

     (Theodor Heuss, Presidente della Repubblica Federale di Germania dal 1949 al 1959).

peppone
Admin
Admin

Messaggi: 13236
Data d'iscrizione: 01.10.08
Età: 44
Località: mah? chi lo sa? comunque...ORIGINARIO della bassa padana

http://lamotosega.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: cosa fare e cosa non fare se dei gatti randagi o di altri circolano in giardino

Messaggio  Templeton il Mer Mag 02, 2012 5:54 pm

peppone ha scritto:
Templeton ha scritto:fatevi un bel cane.. Laughing
mica sempre funziona.

o, meglio, se funziona fai una strage di gatti.

alcuni anni fa avevo un vicino (il quale poi è mancato e ho comprato io la sua casetta dagli eredi) il quale era un gattaro: dava da mangiare a tutti i randagi lì a casa sua, a pochi metri dalla mia.

bene: i "suoi" gatti, nonostante vedessero di là dalla rete i miei 6 cani (e che cani: pitbull, rotweiller, alano, etc) facevano ugualmente gli smargiassi ed entravano con l'unico risultato di farsi puntualmente e regolarmente sbranare. ne avrò seppelliti una quindicina.

quello che mi ha colpito è ciò che mi raccontò una mia fidanzata dell'epoca la quale ebbe occasione di assistere ad alcune di queste carneficine in mia assenza (se ci sono io basta un mio schiocco di dita e i cani si fermano): il gatto entrava, i cani lo vedevano, lui vedeva che loro lo vedevano, i cani (tutti e sei con un peso medio di 65/70 chili l'uno) caricavano partendo da lontano e...
il gatto...????
che faceva il gatto????
se la dava a gambe levate?
spiccava un balzo per raggiungere un albero?
macchè...
rimaneva immobile, gonfiava il pelo e soffiava.

con l'unico risultato di venire sbranato all'istante.
hahahahaaaa!!! hahahahaaaa!!!
è la legge della natura..
ma se hai un giardino o un orto.. mi sa che i cani fanno lo stesso danni..

Templeton
UTENTE BANNATO

Messaggi: 208
Data d'iscrizione: 13.04.12
Località: Teramo

Tornare in alto Andare in basso

Re: cosa fare e cosa non fare se dei gatti randagi o di altri circolano in giardino

Messaggio  peppone il Mer Mag 02, 2012 6:02 pm

Templeton ha scritto:
è la legge della natura..
ma se hai un giardino o un orto.. mi sa che i cani fanno lo stesso danni..
la legge della natura dovrebbe prevedere comportamenti istintuali efficaci per la propria conservazione.
non comportamenti parasuicidari (un gatto che soffia a sei cagnoni che lo caricano equivale ad un uomo che vede un camion a 30 metri da lui che gli viene incontro ed anzichè spostarsi sta fermo e grida: non serve a nulla).

non ho capito il discorso dei danni fatti dai cani nel giardino.

ma tutto questo discorso, qui, è molto OT.

******************************************************************************************************
     "La caccia è una forma secondaria di malattia mentale umana"                    

     (Theodor Heuss, Presidente della Repubblica Federale di Germania dal 1949 al 1959).

peppone
Admin
Admin

Messaggi: 13236
Data d'iscrizione: 01.10.08
Età: 44
Località: mah? chi lo sa? comunque...ORIGINARIO della bassa padana

http://lamotosega.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: cosa fare e cosa non fare se dei gatti randagi o di altri circolano in giardino

Messaggio  Templeton il Mer Mag 02, 2012 6:15 pm

peppone ha scritto:
Templeton ha scritto:
è la legge della natura..
ma se hai un giardino o un orto.. mi sa che i cani fanno lo stesso danni..
la legge della natura dovrebbe prevedere comportamenti istintuali efficaci per la propria conservazione.
non comportamenti parasuicidari (un gatto che soffia a sei cagnoni che lo caricano equivale ad un uomo che vede un camion a 30 metri da lui che gli viene incontro ed anzichè spostarsi sta fermo e grida: non serve a nulla).

non ho capito il discorso dei danni fatti dai cani nel giardino.

ma tutto questo discorso, qui, è molto OT.

si parlava dei possibili rimedi per tenere lontano i gatti..
i cani faranno il loro dovere( se i gatti faranno altrettanto staranno alla larga)..
ma se bisogna tenerli lontano da giardini e orti, non credo che usare i cani sia la soluzione ,a pensarci bene,,a loro volta potrebbero fare danni al prato o alle colture..

Templeton
UTENTE BANNATO

Messaggi: 208
Data d'iscrizione: 13.04.12
Località: Teramo

Tornare in alto Andare in basso

Re: cosa fare e cosa non fare se dei gatti randagi o di altri circolano in giardino

Messaggio  baloo il Mer Mag 02, 2012 8:43 pm

peppone ha scritto:
Templeton ha scritto:fatevi un bel cane.. Laughing
mica sempre funziona.

o, meglio, se funziona fai una strage di gatti.

alcuni anni fa avevo un vicino (il quale poi è mancato e ho comprato io la sua casetta dagli eredi) il quale era un gattaro: dava da mangiare a tutti i randagi lì a casa sua, a pochi metri dalla mia.

bene: i "suoi" gatti, nonostante vedessero di là dalla rete i miei 6 cani (e che cani: pitbull, rotweiller, alano, etc) facevano ugualmente gli smargiassi ed entravano con l'unico risultato di farsi puntualmente e regolarmente sbranare. ne avrò seppelliti una quindicina.

quello che mi ha colpito è ciò che mi raccontò una mia fidanzata dell'epoca la quale ebbe occasione di assistere ad alcune di queste carneficine in mia assenza (se ci sono io basta un mio schiocco di dita e i cani si fermano): il gatto entrava, i cani lo vedevano, lui vedeva che loro lo vedevano, i cani (tutti e sei con un peso medio di 65/70 chili l'uno) caricavano partendo da lontano e...
il gatto...????
che faceva il gatto????
se la dava a gambe levate?
spiccava un balzo per raggiungere un albero?
macchè...
rimaneva immobile, gonfiava il pelo e soffiava.

con l'unico risultato di venire sbranato all'istante.

non ho mai capito il motivo di questo comportamento (scarsamente autoconservativo) di quei felini.
la paura ottenebra la mente è capitato anche a me con solo i miei 2 cani che il gatto stesse lì fermo a guardarli arrivare soffando e gonfiandosi...
nell'istante di paura il gatto non vede altre vie d'uscita che lo scontro poichè i cani sono nel suo territorio di difesa.. ogni animale ce l'ha... oltre una certa distanza il gatto scappa... di contro di qua del limite immagnario di difesa il gatto sa che deve lottare... è l'istinto.. nei cani il limite e molto più vicino che ne felini che sono più selvatci....
fine ot..
le bottiglie d'acqua funziionano... garantito.. solo che bisogna rempire casa di bottiglie.... ci sono anche alcune piante che per i gatti puzzano e non si avvicinano ma non mi ricordo quali.. ora cerco e poi posto
trovato ed editato... cipolla aceto e ruta sono repellenti naturali per i gatti... in particolare la ruta... e poi con un rametto ci s fa una buona grappa digestiva


Ultima modifica di baloo il Mer Mag 02, 2012 9:04 pm, modificato 1 volta (Ragione : ortografia e piante repellenti)

baloo
utente registrato
utente registrato

Messaggi: 236
Data d'iscrizione: 29.01.12
Località: Dalla ridente Umbria Trapiantato a nella Pianura Padana:-(

Tornare in alto Andare in basso

Re: cosa fare e cosa non fare se dei gatti randagi o di altri circolano in giardino

Messaggio  Templeton il Mer Mag 02, 2012 8:49 pm

baloo ha scritto:la paura ottenebra la mente è capitato anche a me con solo i miei 2 cani che il gatto stesse lì fermo a guardarli arrivare soffando e gonfiandosi...
mell'istante di paura il gatto non vede altre vie d'uscita che lo scontro poichè i cani sono nel suo territorio d difesa.. ogni animale ce l'ha... oltre una certa distanza il gatto scappa... di contro di qua del limite mmagnario di difesa li gatto sa che deve lottare... è l'istinto.. nei cani il limite e molto più vicino che ne felini che sono più selvatci....
fine ot..
sarà OT ma devo farti i complimenti e ringraziarti.. bellissima spiegazione...

Templeton
UTENTE BANNATO

Messaggi: 208
Data d'iscrizione: 13.04.12
Località: Teramo

Tornare in alto Andare in basso

Re: cosa fare e cosa non fare se dei gatti randagi o di altri circolano in giardino

Messaggio  peppone il Mer Mag 02, 2012 8:54 pm

Templeton ha scritto:devo farti i complimenti e ringraziarti.. bellissima spiegazione...
condivido.
ora però rientriamo in argomento, grazie. Very Happy

******************************************************************************************************
     "La caccia è una forma secondaria di malattia mentale umana"                    

     (Theodor Heuss, Presidente della Repubblica Federale di Germania dal 1949 al 1959).

peppone
Admin
Admin

Messaggi: 13236
Data d'iscrizione: 01.10.08
Età: 44
Località: mah? chi lo sa? comunque...ORIGINARIO della bassa padana

http://lamotosega.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: cosa fare e cosa non fare se dei gatti randagi o di altri circolano in giardino

Messaggio  dobermann il Ven Mag 04, 2012 4:41 am

ferrari-tractor ha scritto:Lo zolfo in polvere (quello per la vigna) funziona come dissuasore per cani, però bisogna metterlo sul muro o comunque dove il cane fa pipì.
Forse funziona anche con i gatti...

Io vivo a Roma , e molti negozianti mettono lo zolfo pensando di dissuadere i cani......bè ti posso dire che non è proprio cosi, i cani ci vanno lo stesso a fare pipi sui muri come nulla fosse.
In piu ho chiesto anche a dei vigili e mi hanno detto che è assolutamente illegale spargere polveri tossiche su suolo pubblico.

PS:lasciamo vivere tranquilli questi animaletti , che il piu delle volte i loro ''sbagli'' è per colpa nostra.

Checo giustamente dice che ci sono branchi di cani randagi, e potrebbero essere potenzialmente pericolosi, ma tutte le persone che ogni anno prima di partire per le vacanze li abbandonano, di questo non si dice niente!!!!!!!!
E per le campagne di sterilizzazione di cani randagi per risolvere questo problema, a nessuno gliene frega niente, finchè poi non succede qualcosa, allora tutti gli occhi sono puntati li, su quei cani randagi che nessuno vuole e che giustamente hanno fatto branco per difendersi da una bestia ben peggiore e pericolosa, l'uomo.

Dimenticavo , le bottiglie di plastica con acqua confermo anche io che funzionano, sono un rimedio semplice, pratico e non dannoso per nessuno.
Al paese di mio padre in montagna che è pieno di gatti in molti lo fanno.

Se sono andato OT chiedo scusa
saluti fabio

dobermann
utente registrato
utente registrato

Messaggi: 436
Data d'iscrizione: 07.11.11
Località: ROMA

Tornare in alto Andare in basso

Re: cosa fare e cosa non fare se dei gatti randagi o di altri circolano in giardino

Messaggio  maxi il Ven Mag 04, 2012 9:25 am

????? tutti questi rimedi non li capisco....basta avere un cane che abbaia pure se solo di 15 kg e i gatti non entrano ????? .....questo è cio che succede a me hahahahaaaa!!! ....certo passano davanti al cancello ma non sono mai entrati bla bla bla ....e dire che peggy non è un cane imponente o agressiva ????? ....evidentemente sono attirati da dentro i giardini per qualche cosa ????? .....forse cibo?

maxi
utente registrato
utente registrato

Messaggi: 1217
Data d'iscrizione: 02.12.09
Età: 39
Località: terni

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 su2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

Permesso del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum